Archivio per la categoria ‘Aruba Racing’

round9_misano_gara2_melandri_26_UC66555_High.jpg

Dopo il secondo posto ottenuto in Gara 1 con Chaz Davies, il team Aruba.it Racing – Ducati ha fatto il bis davanti ai propri tifosi in Gara 2 a Misano grazie al terzo posto ottenuto da Marco Melandri. L’italiano è scattato bene dalla quarta posizione, restando sempre nel gruppo dei primi ed ingaggiando una spettacolare battaglia, prima con il compagno di squadra Davies poi con Rea. Sul finale Melandri ha poi provato a ricucire del tutto il gap nonostante le condizioni di aderenza precaria, tagliando il traguardo a soli 0.595 secondi dal vincitore.

Anche Chaz Davies è stato protagonista di una gara spettacolare, chiusa a meno di due secondi dal podio, in quarta posizione. Partito dalla terza fila, il gallese ha spinto forte fin dalle prime curve per districarsi nel gruppo, portandosi tra i primi cinque. Qualche difficoltà in più rispetto a ieri in fase di accelerazione gli ha impedito di bissare il podio, ma Davies ha comunque consolidato la seconda posizione in campionato prima della pausa estiva.

Michael Ruben Rinaldi ha invece rimontato dalla ventesima all’undicesima posizione con la Panigale R dell’Aruba.it Racing – Junior Team, primo tra i piloti “Indipendenti”. Dopo nove round, Davies (278 punti) e Melandri (193 punti) sono rispettivamente secondo e quinto in classifica, mentre Rinaldi (59 punti) è quattordicesimo. Il team Aruba.it Racing – Ducati e l’Aruba.it Racing – Junior Team torneranno in pista a Portimão il 23 e 24 agosto per due giornate di prove in vista del decimo round, in programma dal 14 al 16 settembre sul medesimo tracciato.

Marco Melandri (Aruba.it Racing – Ducati #33) – 3º
“È stata una grandissima Gara 2. Dopo un weekend fin qui difficile e sfortunato, con la squadra siamo riusciti a trovare un assetto ideale per utilizzare la nuova gomma anteriore. Purtroppo non essere riusciti ad effettuare FP3 ed FP4 ci ha penalizzato in Gara 1, ma oggi ci siamo riscattati. Ero a mio agio, riuscivo ad essere aggressivo ed abbiamo fatto una bella battaglia con Rea, anche se questo ci ha fatto perdere un po’ di terreno rispetto a VD Mark. Sul finale ero vicino e volevo provarci, ma dopo un paio di rischi ho capito che eravamo troppo al limite. Comunque andiamo in vacanza con un bel risultato, e sono fiducioso che presto torneremo alla vittoria”.

Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati #7) – 4º
“Oggi credevo che avessimo il potenziale per stare con i primi e giocarci la vittoria, e inizialmente abbiamo dato battaglia, ma dopo pochi giri abbiamo inaspettatamente sofferto problemi di trazione. Sono un po’ amareggiato, perché i cambiamenti che abbiamo deciso di fare dopo Gara 1 non si sono rivelati azzeccati. In generale è stato comunque un round positivo per noi, sicuramente è andata molto meglio rispetto ad un anno fa qui, quindi non ci possiamo lamentare. Negli ultimi due round siamo stati costanti ed abbiamo individuato un paio di dettagli molto importanti. Poi entrare nella pausa estiva con un podio mancato di pochissimo ci dà ancora più motivazione in vista degli ultimi quattro round.”

Michael Ruben Rinaldi (Aruba.it Racing – Junior Team #21) – 11º
“Dopo un inizio in salita, oggi nel WUP ho ritrovato le giuste sensazioni. Non è mai facile recuperare partendo dall’ultima fila, ma possiamo dire di aver parzialmente raddrizzato un weekend fin qui difficile. Solitamente possiamo dire la nostra, ma a questo livello basta poco per perdere posizioni. Il nostro passo non era male, ma il risultato di oggi non rispecchia il nostro potenziale. Purtroppo ora dobbiamo aspettare un mese per tornare a guidare nei test, e due per la prossima gara. Non vedo l’ora di macinare chilometri”.

Stefano Cecconi, Aruba CEO e Team Principal 
“Oggi Marco si è riscattato con una bella prestazione, che probabilmente avrebbe potuto fare anche ieri se avesse disputato la FP4. Ci dispiace per Chaz, che nel tentativo di fare l’ultimo passo avanti ha invece accusato qualche difficoltà in più rispetto a Gara 1. Non possiamo essere del tutto soddisfatti, ma il bilancio è positivo. Ora ci aspetta una lunga pausa, ma prima faremo una grande festa qui a Misano per il World Ducati Week, dove aspettiamo numerosi i nostri tifosi”.


Dopo una trasferta oltreoceano a Laguna Seca (Stati Uniti) archiviata con due podi, il team Aruba.it Racing – Ducati è pronto a tornare in pista davanti ai propri tifosi a Misano, teatro del nono round del Campionato Mondiale Superbike 2018 e seconda gara “di casa” dopo Imola.

Il tracciato romagnolo evoca ricordi indelebili per il team, che lo scorso anno ha sfiorato la vittoria in Gara 1 con Chaz Davies prima che una scivolata a poche curve dal termine, con conseguente infortunio, ne decretasse il ritiro; un successo poi conseguito da Marco Melandri in Gara 2, il suo primo con Ducati davanti al pubblico italiano. Sia Davies che Melandri sono quanto mai determinati a sfruttare il “fattore campo” per accorciare le distanze in classifica prima della lunga pausa estiva.

A Misano tornerà inoltre in pista l’Aruba.it Racing – Junior Team con Michael Ruben Rinaldi, reduce dal proprio miglior risultato ottenuto fin qui nell’anno d’esordio in Superbike – sesto a Brno – e pronto a riprendere il proprio percorso di crescita. Dopo otto round, Davies (245 punti) e Melandri (168 punti) sono rispettivamente secondo e sesto in classifica, mentre Rinaldi (54 punti) è quattordicesimo. Il team Aruba.it Racing – Ducati e l’Aruba.it Racing – Junior Team torneranno in pista venerdì 6 luglio alle 09:45 locali (CET) per la prima sessione di prove libere.

Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati #7)
“Dopo un weekend concreto a Laguna Seca, non vedo l’ora di tornare in azione a Misano. Mi piacciono molto sia la pista che l’atmosfera che la circonda, dal momento che ci sono sempre tanti tifosi Ducati. Credo che i risultati ottenuti a Misano fin qui non siano stati rappresentativi del nostro potenziale, anche se forse la pista non è proprio la più adatta a noi. Negli ultimi anni siamo stati competitivi, ed abbiamo sempre avuto un buon ritmo. Per esempio, l’anno scorso eravamo in testa alla gara prima dell’incidente all’ultimo giro. Sarà un weekend caldo, dove la gestione delle gomme sarà molto importante. Sarà fondamentale anche ottenere un buon risultato per mantenere lo slancio durante la pausa estiva, quindi speriamo di usare il fattore campo a nostro favore”.

Marco Melandri (Aruba.it Racing – Ducati #33)
“Misano è sempre un round speciale, e sicuramente la prima vittoria con Ducati ottenuta lì lo scorso anno mi ha lasciato un ricordo indelebile. Tornare a correre lì, con la consapevolezza del nostro potenziale, mi dà una carica aggiuntiva. Mi sento molto bene, sono pronto a delle gare che si preannunciano molto calde. Sono sicuro che saremo della partita, e mi aspetto una lotta di gruppo dopo la crescita evidenziata da alcuni nostri rivali nelle ultime gare, il che renderebbe tutto più spettacolare e divertente. Non vedo l’ora di scendere in pista”.

Michael Ruben Rinaldi (Aruba.it Racing – Junior Team #21)
“Dopo una prima parte di stagione in crescita continua, culminata a Brno, vado a Misano con tanta voglia di tornare in sella, sia perché abbiamo saltato l’ultimo round che perché si tratta della gara di casa per me, con tanti appassionati a sostenerci. La pista mi piace molto, non ci ho mai girato con la Superbike e non vedo l’ora di verificare il mio potenziale. Il caldo sarà la variabile più importante nel fine settimana, sia a livello che grip che di gestione delle energie. Mi aspetto un weekend molto interessante e molto equilibrato”.


Il team Aruba.it Racing – Ducati è salito nuovamente sul podio in Gara 2 a Laguna Seca (Stati Uniti), teatro dell’ottavo round del Campionato Mondiale Superbike, con un altro secondo posto ottenuto da Chaz Davies. Il gallese è scattato bene dalla terza fila, recuperando subito posizioni. Dopo alcuni momenti concitati nelle fasi iniziali, dovuti anche alla natura del tracciato che rende particolarmente difficili i sorpassi, Davies è riuscito a trovare il proprio ritmo e risalire la classifica per poi bissare il risultato di Gara 1.

Marco Melandri, partito dalla prima fila, ha invece accusato qualche problema in più ed è scivolato alla curva 5 nel corso del quarto giro nel tentativo di restare attaccato al gruppo di testa, quando si trovava in quarta posizione. Il team Aruba.it Racing – Ducati tornerà in pista a Misano (Italia) dal 6 all’8 giugno per il nono round della stagione.

Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati #7) – 2º
“In generale possiamo sicuramente essere contenti per com’è andato questo round. L’obiettivo resta la vittoria, ma fa comunque piacere essere tornati a lottare al vertice. Credo che abbiamo ottenuto il massimo, sia da me che dal pacchetto. Siamo tornati in forma dopo un paio di round difficili e non siamo troppo lontani dai nostri rivali principali. Oggi sono partito bene ma, ad essere sinceri, l’anteriore non mi dava molta fiducia nei primi giri anche se non stavo spingendo al limite. Poi le cose sono tornate alla normalità, ho trovato il mio ritmo e recuperato fino alla seconda posizione. Abbiamo fatto grandi passi avanti nelle aree dove avevamo sofferto negli ultimi due round, quindi dobbiamo solo rimetterci al lavoro per Misano e cercare di sistemare gli ultimi dettagli”.

Marco Melandri (Aruba.it Racing – Ducati #33) – Rit.
“Purtroppo, quando cala il grip a causa delle temperature alte, la moto diventa difficile da gestire se la pista è un po’ rovinata. Oggi perdevo molto tempo in uscita di curva e, per cercare di recuperare, ero costretto a forzare un po’ di più in frenata. Laguna Seca è particolarmente esigente sull’anteriore, anche se non mi aspettavo di poterlo perdere proprio in quella curva. Peccato, perché siamo partiti molto bene al venerdì ma col cambiare delle condizioni abbiamo faticato. Guardiamo avanti per rifarci a Misano, dove abbiamo ottenuto la prima vittoria lo scorso anno e sappiamo di poter essere competitivi”.

Serafino Foti, Team Manager
“Come sempre, Laguna Seca ha dato vita a gare entusiasmanti. Chaz e tutta la squadra hanno fatto il massimo, portando a casa il miglior risultato possibile, un doppio podio che ci lascia ben sperare per le prossime gare. Ci dispiace per Marco, speravamo in un risultato migliore dopo la bella rimonta di ieri ma purtroppo la sua gara è finita in anticipo quando era in piena lotta per il podio. Non ci resta che lavorare duramente e prepararci al meglio per la prossima gara di Misano”.


Il team Aruba.it Racing – Ducati è tornato sul podio in Gara 1 a Laguna Seca (Stati Uniti), teatro dell’ottavo round del Campionato Mondiale Superbike, grazie al secondo posto ottenuto da Chaz Davies. Il gallese, autore della pole position, è stato protagonista di un’ottima partenza ed ha siglato il giro veloce al secondo passaggio in 1’23.041 (nuovo record del circuito) andando subito in fuga. Una piccola incertezza in ingresso alla curva 8 in condizioni di aderenza precaria – con circa 50 gradi di temperatura dell’asfalto – lo ha fatto passare in seconda posizione, poi mantenuta fino al traguardo.

Marco Melandri, penalizzato da una qualifica conclusa con il decimo tempo, ha mostrato grande tenacia rimontando fino alla quinta posizione su un tracciato dove è particolarmente difficile effettuare sorpassi. L’italiano ha chiuso in crescendo, mostrando il passo migliore nelle fasi finali, e domani partirà dalla seconda posizione in griglia.

Il team Aruba.it Racing – Ducati tornerà in pista domenica 24 giugno alle ore 10:30 locali (CET -9) per una sessione di warm-up in vista di Gara 2, con partenza fissata per le ore 14:00 (23:00 italiane).

Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati #7) – 2º
“È stata una buona gara per noi. Abbiamo fatto tutto il possibile con le armi a nostra disposizione. Ho perso la prima posizione quando stavo spingendo per andare in fuga, ma onestamente non penso che il risultato finale sarebbe cambiato. Ho provato a tenere Rea sotto pressione ma semplicemente non avevamo il passo per farlo negli ultimi giri. Lui ha fatto un paio di sbavature al Cavatappi, ma troppo piccole perché io potessi ricucire lo strappo. In generale sono molto contento, abbiamo fatto la pole ed il giro più veloce ma ci è mancato il trofeo più grande. Abbiamo raccolto dati ed imparato alcune cose, quindi proveremo a migliorare ulteriormente e presentarci in Gara 2 ancora più competitivi”.

Marco Melandri (Aruba.it Racing – Ducati #33) – 5º
“La gara di oggi non è stata facile nonostante il weekend fosse partito molto bene. In Superpole non abbiamo trovato il grip ideale e partire dalla quarta fila, su un circuito dove è particolarmente difficile sorpassare, ha complicato i nostri piani. All’inizio ho faticato ad essere costante, ma da metà gara in poi ero più a mio agio. Purtroppo, a quel punto eravamo troppo lontani per puntare al podio. Ho dato tutto per provare a prendere Laverty ma ho fatto un errore all’ultimo giro, e comunque probabilmente non sarebbe stato possibile. Domani è un nuovo giorno. Partire dalla prima fila sarà di aiuto, ma la cosa più importante è migliorare il passo gara con le alte temperature”.

Marco Zambenedetti, Coordinatore Tecnico Ducati Corse in pista
“Dopo un venerdì positivo, oggi abbiamo confermato la nostra competitività nonostante le temperature più alte abbiano cambiato le condizioni del tracciato. Chaz ha dato tutto quello che aveva per raccogliere un secondo posto importante, ed anche Marco ha dimostrato grande tenacia ma purtroppo è stato penalizzato dalle difficoltà incontrate in qualifica. Analizzeremo i dati per migliorarci ancora in vista di Gara 2”.


Il team Aruba.it Racing – Ducati ha iniziato positivamente l’ottavo round del Campionato Mondiale Superbike, in scena a Laguna Seca (Stati Uniti), archiviando le prove libere del venerdì con Marco Melandri e Chaz Davies rispettivamente in seconda e sesta posizione.

Melandri è stato protagonista di un ottimo inizio ed ha stazionato stabilmente nelle prime posizioni della classifica dei tempi, fermando il cronometro su 1’23.458, a soli 0.354 secondi dalla vetta, e trovando buoni riscontri anche dal punto di vista del passo di gara. Davies ha invece migliorato progressivamente, togliendo circa quattro decimi ai propri riferimenti nell’arco della giornata per chiudere in 1’23.635, con un ritmo molto simile a quello del compagno di squadra.

Il team Aruba.it Racing – Ducati tornerà in pista sabato 23 giugno alle ore 09:00 locali (CET -9) per la quarta ed ultima sessione di prove libere in vista di Superpole e Gara 1, con partenza fissata per le ore 14:00 (23:00 italiane).

Marco Melandri (Aruba.it Racing – Ducati #33) – 1’23.458 (2º)
“In generale è stata una giornata positiva per me e per la squadra. Abbiamo avuto qualche difficoltà in FP2 mentre stavamo valutando diverse opzioni di pneumatici, ed ho avuto un leggero movimento in entrata al Cavatappi che ha causato una scivolata senza conseguenze, ma nella FP3 abbiamo subito ritrovato il feeling. Al momento Rea è un po’ più veloce, ma il nostro passo è buono e possiamo per lo meno lottare per il podio. In ogni caso proveremo a migliorare ancora in FP4 e poi dovremo essere veloci in Superpole perché qui non è facile sorpassare. Comunque la gara è sempre una storia a sé”.

Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati #7) – 1’23.635 (6º)
“Tutto sommato siamo partiti con il piede giusto. Ho faticato un po’ durante la FP1, poi abbiamo fatto alcune modifiche e ci siamo progressivamente avvicinati alla vetta. Penso che abbiamo fatto dei buoni progressi tra le varie sessioni. Sfortunatamente siamo stati costretti a chiudere la FP3 in leggero anticipo a causa di un problema tecnico. Probabilmente avrei potuto limare ulteriormente il tempo sul giro, ma in generale sono piuttosto contento della direzione imboccata. La priorità domani sarà innanzitutto fare una buona Superpole, poi vedremo come giocare le nostre carte. Speriamo di continuare a migliorarci”.

Archiviato con due podi il round di Brno (Repubblica Ceca), il team Aruba.it Racing – Ducati è pronto a dirigersi a Laguna Seca (Stati Uniti) per l’ottavo appuntamento del Campionato Mondiale Superbike 2018. Sull’iconico tracciato californiano la Panigale R può vantare ben tre vittorie, tutte ottenute da Chaz Davies, l’ultima delle quali lo scorso anno a sole tre settimane dall’infortunio alla schiena patito in gara a Misano. Anche Marco Melandri, sfortunatamente penalizzato da un problema tecnico in Gara 2 a Brno dopo essere stato il più veloce in pista, ha scritto il proprio nome nell’albo d’oro del circuito in virtù della vittoria in Gara 1 nel 2014.

Sia Melandri che Davies vogliono dunque sfruttare il feeling con il tracciato per tornare sul gradino più alto del podio ed accorciare le distanze in classifica, che attualmente li vede rispettivamente in seconda (205 punti) e quinta (157 punti) posizione. Il team Aruba.it Racing – Ducati tornerà in pista venerdì 22 giugno alle ore 09:45 locali (CET -9) per la prima sessione di prove libere, mentre l’Aruba.it Racing – Junior Team non prenderà parte, come previsto, al round e tornerà in pista a Misano.

Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati #7) 
“Correre a Laguna Seca è sempre molto divertente. È una pista difficile, con tante parti tecniche. La pendenza e l’inclinazione cambiano in diversi punti, ci sono curve veloci e tornanti, e naturalmente il famoso Cavatappi. Non è facile trovare l’assetto giusto, perché servono sia stabilità che agilità, quindi bisogna trovare un buon compromesso. Credo che la pista si addica alle mie caratteristiche, guidare lì mi dà sempre ottime sensazioni e non vedo l’ora di tornare sulla Panigale R per riprendere da dove avevamo lasciato a Brno e puntare a risultati ancora migliori”.

Marco Melandri (Aruba.it Racing – Ducati #33) 
“Sono molto contento di andare a correre a Laguna Seca. Il posto è meraviglioso e, nonostante il fatto che il problema in Gara 2 a Brno ci abbia probabilmente privato di un bel risultato, stiamo vivendo un buon momento con la squadra. Abbiamo imparato tante cose e secondo me possiamo essere molto veloci. Credo sia il tracciato giusto per riscattarci. Gli Stati Uniti mi hanno sempre trasmesso sensazioni particolarmente positive, quindi non vedo l’ora di tornare in sella alla Panigale R e lottare come abbiamo dimostrato di poter fare”.

Dopo il secondo posto di Marco Melandri in Gara 1, il team Aruba.it Racing – Ducati è tornato sul podio in Gara 2 a Brno (Repubblica Ceca) grazie al terzo posto ottenuto da Chaz Davies. Il gallese ha fatto un passo avanti netto rispetto alla gara di ieri e, dopo una buona partenza dalla seconda fila, è riuscito a liberarsi in fretta dal gruppo degli inseguitori e difendere la terza posizione fino alla bandiera a scacchi.

Gara sfortunata per Melandri, che dopo una partenza al fulmicotone dall’ottava posizione era riuscito a prendere rapidamente il comando con diversi sorpassi spettacolari prima di essere costretto a sfilare nella via di fuga a causa di un problema al pedale del freno posteriore. Rientrato in pista, il ravennate ha comunque siglato il giro veloce in 2’00.176 e rimontato fino alla quindicesima posizione.

Michael Ruben Rinaldi, in pista con l’Aruba.it Racing – Junior Team, ha invece ottenuto il suo miglior risultato fin qui in Superbike chiudendo al sesto posto, primo tra i piloti “Indipendenti”. Dopo sette round, Davies (205 punti) e Melandri (157 punti) sono rispettivamente secondo e quinto in classifica, mentre Rinaldi (54 punti) è 14º. Il team Aruba.it Racing – Ducati tornerà in pista a Laguna Seca (Stati Uniti) per l’ottavo round del Campionato Mondiale Superbike, in programma dal 22 al 24 giugno, mentre l’Aruba.it Racing – Junior Team riprenderà la propria campagna il round successivo a Misano.

Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati #7) – 3º
“Oggi abbiamo finalmente fatto un passo avanti dopo due giorni difficili, nei quali abbiamo faticato con il setup e la mancanza di grip. Anche se non ero ancora del tutto a mio agio, è stato abbastanza per consentirmi di difendermi e non accusare un calo sul finale. Naturalmente vogliamo fare di più, ma sono molto felice di essere tornato sul podio. È importante per il morale della squadra, continueremo a dare il massimo senza mai mollare. Questo è il mio ‘grazie’ per tutti loro. Abbiamo recuperato punti in campionato, ma la priorità resta quella di ritrovare il feeling ottimale e sono fiducioso che presto ci riusciremo”.

Marco Melandri (Aruba.it Racing – Ducati #33) – 15º
“Guardando al nostro passo in gara oggi, era più che sufficiente per garantirci la vittoria, quindi finire 15º sicuramente lascia l’amaro in bocca. Abbiamo avuto molta sfortuna, perché mi sentivo davvero bene in sella e, una volta preso il comando, volevo dare lo strappo decisivo ma alla curva 3 ho rotto il pedale del freno posteriore e sono stato costretto ad andare nella via di fuga. Dopo, ho voluto comunque finire la gara per raccogliere informazioni importanti in vista di Laguna Seca. Guardando al lato positivo, abbiamo ripreso fiducia dopo aver migliorato la stabilità della moto quindi non vedo l’ora di tornare in pista a Laguna Seca, dove sicuramente potremo toglierci delle soddisfazioni”.

Michael Ruben Rinaldi (Aruba.it Racing – Junior Team #21) – 6º
“Il risultato di oggi, il migliore di quest’anno fin qui, è un bellissimo modo di chiudere un weekend non facile. Ieri eravamo veloci ma sono caduto, e questa mattina nel WUP abbiamo fatto un altro passo avanti. La gara è stata divertente, ma nei giri finali ero in crisi con le gomme anche perché le temperature erano salite ancora, quindi ho semplicemente cercato di non fare errori pensando che la sesta posizione poteva andare bene. Salteremo Laguna Seca ma farò il tifo da casa e non vedo l’ora di tornare in pista a Misano”.

Marco Zambenedetti, Coordinatore Tecnico Ducati Corse in pista 
“La gara di oggi ci lascia soddisfatti a metà. Chaz è riuscito a migliorare il feeling rispetto a ieri cogliendo un podio importante, mentre a Marco è sfuggita una probabile vittoria per circostanze sfortunate. Faremo del nostro meglio perché entrambi possano giocarsi al meglio le rispettive carte a Laguna Seca”.


Il team Aruba.it Racing – Ducati è tornato oggi in pista a Brno, teatro del settimo round del Campionato Mondiale Superbike, per il consueto venerdì di prove libere. Marco Melandri e Chaz Davies, che circa un mese fa avevano effettuato dei test proprio sul tracciato della Repubblica Ceca, hanno trovato pista bagnata al mattino per poi potersi concentrare sull’affinamento del setup in condizioni di asciutto in FP2 ed FP3, chiudendo rispettivamente in terza e sesta posizione, con distacchi contenuti sia dal punto di vista del giro singolo che soprattutto del passo gara.

Michael Ruben Rinaldi, in pista con l’Aruba.it Racing – Junior Team, ha poi chiuso con l’ottavo tempo assoluto e primo tra i piloti “Indipendenti” nonostante un problema tecnico che lo ha costretto a terminare la sessione finale con dieci minuti di anticipo. Sia Melandri e Davies che Rinaldi hanno così guadagnato l’accesso diretto alla Superpole 2.

Il team Aruba.it Racing – Ducati e l’Aruba.it Racing – Junior Team torneranno in pista sabato 9 giugno alle 08:45 locali (CET) per la quarta ed ultima sessione di prove libere in vista di Superpole e Gara 1, con partenza fissata per le ore 13:00 locali.

Marco Melandri (Aruba.it Racing – Ducati #33) – 1’59.795 (3º)
“È stata una giornata che ha richiesto molta concentrazione perché le condizioni della pista sono cambiate dalla mattina al pomeriggio, ed abbiamo trovato un’aderenza decisamente inferiore rispetto ai test. Abbiamo dovuto studiare ed utilizzare assetti diversi, ma fortunatamente siamo riusciti a fare un buon lavoro e la squadra ha trovato un buon compromesso per farmi sentire abbastanza a mio agio in sella. Per la gara possiamo essere abbastanza ottimisti in qualsiasi condizione. Al momento Rea sembra avere qualcosa in più, ma sono molto determinato a chiudere il gap”.

Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati #7) – 1’59.970 (6º)
“Dopo una FP1 bagnata, abbiamo iniziato a lavorare sull’assetto da asciutto e sul passo gara. Abbiamo subito fatto registrare dei buoni tempi, poi ci siamo un po’ bloccati e, su questa pista, forzare spesso peggiora la situazione. Quindi abbiamo subito iniziato a lavorare su alcune modifiche. Penso che ci stiamo gradualmente avvicinando al nostro obiettivo. In termini di passo siamo abbastanza competitivi, ma facciamo ancora fatica sul giro singolo. Comunque non siamo lontani, dobbiamo solo fare qualche piccolo miglioramento in vista di domani”.

Michael Ruben Rinaldi (Aruba.it Racing – Junior Team #21) – 2’00.191 (8º)
“Tutto sommato è stata una giornata positiva, perché siamo stati competitivi sia in condizioni di bagnato che di asciutto. Dobbiamo migliorare un po’ dal punto di vista del giro secco e del passo, ma siamo ottimisti nonostante le condizioni della pista nella FP1 abbiano rallentato un po’ il nostro programma di lavoro. Domani il meteo resta un’incognita, quindi dovremo adattarci al meglio ma soprattutto evitare di commettere errori”.


Con sei round in archivio e sette ancora da disputare, il team Aruba.it Racing – Ducati è pronto a tornare in pista a Brno per il settimo round del Campionato Mondiale Superbike, che raggiunge così il giro di boa della stagione. La squadra si presenta sul tracciato della Repubblica Ceca, che torna in calendario dopo cinque anni di assenza, con propositi d’attacco e sia Chaz Davies che Marco Melandri sono quanto mai determinati ad ottenere risultati di prestigio per guadagnare punti preziosi sia nella classifica Piloti che in quella Costruttori.

Stesso discorso per Michael Ruben Rinaldi, in pista con l’Aruba.it Racing – Junior Team e desideroso di mettersi alle spalle il round precedente per riprendere il percorso di crescita agonistica e di risultati iniziato ad Aragon. Dopo sei round, Davies (181 punti) e Melandri (136 punti) sono rispettivamente secondo e quinto in campionato, mentre Rinaldi (43 punti) è tredicesimo. Il team Aruba.it Racing – Ducati e l’Aruba.it Racing – Junior Team torneranno in pista venerdì 8 giugno alle 09:45 locali (CET) per la prima sessione di prove libere.

Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati #7)
“Andiamo a Brno con tanta voglia di rifarci dopo Donington, che è stato un round difficile per noi. Dobbiamo affrontare il weekend un passo alla volta. Il nostro primo obiettivo è di migliorare il pacchetto, quindi non ci resta che scendere in pista e misurarci insieme ai nostri rivali. Il test è stato OK ma allora stavamo sperimentando di più con assetti e componenti, mentre in gara dovremo mettere insieme tutti i pezzi del puzzle. Dobbiamo continuare a lavorare sodo, per poi tirare le somme”.

Marco Melandri (Aruba.it Racing – Ducati #33)
“Andiamo a Brno innanzitutto per metterci alle spalle le difficoltà incontrate a Donington. Nei test effettuati in Repubblica Ceca eravamo andati abbastanza bene pur senza cercare un assetto specifico per la gara dal momento che allora la nostra priorità era migliorare la stabilità in generale. La pista in sé è molto scorrevole, a me è sempre piaciuta molto e vi ho ottenuto dei bei risultati. Nonostante non ci corressimo da tempo, l’ho trovata in buone condizioni. Ci andiamo con tanta voglia di fare bene ed un’attitudine positiva, perché ogni gara è una storia a sé”.

Michael Ruben Rinaldi (Aruba.it Racing – Junior Team #21)
“Brno è una bella pista, mi è piaciuta subito quando siamo andati lì per i test. Il layout la rende molto divertente, anche se c’è qualche buca. Il nostro test era stato positivo quindi andiamo lì con una buona base, anche se sappiamo che i nostri avversari erano stati molto competitivi. La situazione forse cambierà a causa delle temperature, quindi comunque faremo tutti degli aggiustamenti. Dobbiamo migliorare ancora la nostra prestazione. Non ci resta che scendere in pista ed iniziare a lavorare”.

davies_r6_donington_day3_wu_06_UC66005_High.jpg

Il team Aruba.it Racing – Ducati, in pista a Donington (Regno Unito) per il sesto round del Campionato Mondiale Superbike, ha concluso Gara 2 con Chaz Davies e Marco Melandri rispettivamente in quinta e undicesima posizione.

Il gallese e l’italiano, partiti rispettivamente dalla seconda e quarta fila, hanno lottato con la consueta tenacia. Melandri, protagonista di un’ottima partenza, era riuscito a portarsi a ridosso della top five salvo poi dover abbassare il ritmo a causa di problemi alla guida. Davies è invece stato protagonista di una gara in crescendo dopo essere stato penalizzato nel traffico in partenza, recuperando dalla dodicesima alla quinta posizione con una serie di spettacolari sorpassi.

Michael Ruben Rinaldi, in pista con l’Aruba.it Racing – Junior Team, non è riuscito a prendere il via allo spegnimento dei semafori a causa di un problema tecnico che lo ha costretto al ritiro. Dopo sei round, Davies (181 punti) e Melandri (136 punti) sono rispettivamente secondo e quinto in campionato, mentre Rinaldi (43 punti) è tredicesimo. Il team Aruba.it Racing – Ducati e l’Aruba.it Racing – Junior Team torneranno in pista a Brno (Repubblica Ceca) per il settimo round del Campionato Mondiale Superbike, in programma dall’8 al 10 giugno.

Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati #7) – 5º
“Oggi ha marcato sicuramente un passo avanti rispetto a Gara 1, anche se i nostri obiettivi sono più ambiziosi. Penso di aver fatto una buona gara tutto sommato. Quando hanno esposto le bandiere per segnalare gocce di pioggia ero deciso a tenere il gas spalancato, ma le condizioni non erano tali da impensierire quelli davanti a noi. Ho fatto il possibile per colmare il gap, e in parte ci sono riuscito, ma eravamo un po’ in difficoltà qui. Ho dovuto chiedere molto alla gomma posteriore all’inizio, e non avrei potuto fare di più. Speriamo di sfruttare l’esperienza accumulata questo weekend e trarre lezioni importanti da mettere in pratica a Brno”.

Marco Melandri (Aruba.it Racing – Ducati #33) – 11º
“Speravo di essere in grado di tenere il ritmo di ieri, che ci avrebbe consentito di stare a ridosso dei primi cinque, ma purtroppo le modifiche fatte non hanno dato i risultati sperati ed oggi la moto era nervosa e fisica da guidare, ed i tempi ne hanno risentito. Ho semplicemente cercato di non fare errori e portare a casa più punti possibili. Guardiamo avanti, a Brno, dove nei test siamo andati abbastanza bene anche se ci restano da fare dei passi avanti per tornare al vertice”.

Michael Ruben Rinaldi (Aruba.it Racing – Junior Team #21) – DNF
“Avevamo raccolto il massimo a nostra disposizione in Gara 1 ed oggi nel WUP avevamo fatto alcuni passi avanti, ma purtroppo un problema tecnico non mi ha permesso di partire, chiudendo anzitempo un fine settimana un po’ difficile per noi. È un peccato, perché eravamo in crescita, ma anche le difficoltà vanno sfruttate per migliorarsi quindi guardo a Brno fiducioso”.

Serafino Foti, Team Manager
“I nostri piloti hanno corso con grande tenacia per tutto il weekend, come sempre, dando il 110% ma purtroppo non siamo riusciti a raccogliere i frutti del loro lavoro e di quello della squadra. Effettueremo un’analisi dettagliata e lavoreremo duramente per tornare ai nostri livelli, Brno è vicina e vogliamo rifarci”.