Archivio per la categoria ‘Aruba Racing’

Dopo una prima giornata terminata con riscontri positivi, il team Aruba.it Racing – Ducati ha concluso oggi i test a Jerez de la Frontera (Spagna), ultima fermata prima della pausa invernale. In condizioni meteo ideali, con temperature miti, Bautista e Davies hanno percorso rispettivamente 64 e 62 giri, chiudendo con il quarto e quinto tempo.

Bautista, dopo aver debuttato ieri sulla Panigale V4 R, ha iniziato il lavoro sull’assetto di base concludendo in quarta posizione con un 1’39.845, un decimo più veloce rispetto alla prima giornata. A soli 7 millesimi dal compagno di squadra, Davies ha effettuato diverse prove comparative con un occhio di riguardo all’elettronica chiudendo in 1’39.852 e migliorando i propri riferimenti di circa quattro decimi.

Alvaro Bautista (Aruba.it Racing – Ducati #19)  
“Oggi abbiamo iniziato ad effettuare le prime modifiche all’assetto per capire meglio il comportamento della moto, ed abbiamo identificato alcuni aspetti positivi ed anche alcune aree che necessitano miglioramenti. In termini di ritmo abbiamo fatto grandi passi avanti, dal momento che ho girato costantemente in 1’40, mentre sul giro secco ho avuto la sensazione che ci fosse meno grip, anche se in teoria le condizioni della pista erano leggermente migliori. In ogni caso, devo ancora capire bene i limiti delle gomme. In generale, abbiamo completato il nostro programma di lavoro e questo primo test è stato sicuramente positivo”.

Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati #7) 
“È stato un test positivo. Abbiamo imparato tante cose riguardo alla nuova moto e penso che abbiamo le idee chiare per migliorare il pacchetto durante la pausa invernale. Oggi in particolare abbiamo portato diversi treni di gomme a distanza di gara, ed ho provato un nuovo forcellone con riscontri positivi. In generale, a questo punto dello sviluppo è importante non andare in confusione, e penso che abbiamo individuato abbastanza chiaramente la direzione da seguire. Abbiamo molti dati da elaborare, dobbiamo solo mettere insieme tutti i pezzi del puzzle. La prossima settimana mi opererò alla spalla infortunata, poi inizierò la preparazione per essere al 100% ai prossimi test”.


Dopo aver portato in pista con riscontri positivi la Panigale V4 R per la prima volta ad Aragon (Spagna) con Chaz Davies, il team Aruba.it Racing – Ducati è tornato in pista a Jerez de la Frontera (Spagna) al gran completo con Alvaro Bautista, al suo debutto assoluto in WorldSBK, ad affiancare per la prima volta il gallese nei box.

In condizioni soleggiate, con circa quindici gradi nell’aria, Bautista e Davies hanno percorso rispettivamente 65 e 49 giri, chiudendo con il secondo e terzo tempo. Lo spagnolo ha cercato innanzitutto di prendere confidenza con la Panigale V4 R, dimostrando da subito una buona intesa con moto e squadra e chiudendo con il secondo tempo di giornata in 1’39.979. Discorso simile per Davies, di fatto al secondo giorno di prove sull’asciutto, che ha adottato un approccio graduale chiudendo in terza posizione con un 1’40.202.

Il team Aruba.it Racing – Ducati tornerà domani per un’ultima giornata di prove prima della pausa invernale, a partire dalle ore 10:00 fino alle 18:00 locali (CET).

Alvaro Bautista (Aruba.it Racing – Ducati #19)
“Mi sono sentito un po’ come al primo giorno di scuola e, anche se abbiamo appena iniziato questa nuova avventura, mi sono divertito molto. Sicuramente la V4 R è diversa dalla Desmosedici in termini di potenza, ciclistica e gomme, ma il carattere della moto è abbastanza simile. In termini di stile di guida, invece, devi essere più dolce con questa moto. Non abbiamo fatto molti cambiamenti, solo alcune piccole modifiche, ed abbiamo semplicemente cercato di accumulare chilometri e acclimatarci insieme a tutta la squadra. Sono rimasto un po’ sorpreso anche io dai tempi, ma dobbiamo restare concentrati e domani adotteremo lo stesso approccio”.

Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati #7)
“Stiamo scoprendo la nuova moto passo dopo passo e, anche se abbiamo appena cominciato il lavoro di sviluppo, posso dire che l’inizio è stato positivo. Sono molto fiducioso che possa consentirci di ottenere risultati ancora migliori. Detto ciò, dobbiamo avere pazienza e camminare prima di correre, perché c’è molto da imparare riguardo al V4 ed è facile confondersi. Per questo motivo sono stato un po’ cauto, provando solo alcuni cambiamenti nel corso della giornata. Dobbiamo scoprire le sue peculiarità e le differenze rispetto alla bicilindrica, e mettere insieme tutti i dati. È su questo che concentreremo anche domani”.


Dopo aver portato in pista con riscontri positivi la Panigale V4 R per la prima volta ieri, il team Aruba.it Racing – Ducati ha chiuso in anticipo il proprio programma di prove ad Aragon (Spagna) a causa del maltempo. La forte pioggia caduta sul tracciato alle porte di Alcañiz nel corso dell’intera giornata ha infatti confinato la maggioranza di piloti e squadre ai box, senza comunque impedire a Chaz Davies di completare 22 passaggi utili per continuare lo sviluppo della nuova moto, il più rapido dei quali in 2’04:513.

Nel corso dei due giorni di prove, Davies ha percorso 83 giri in totale, con un miglior tempo personale di 1’51.180. Il team Aruba.it Racing – Ducati tornerà in pista al gran completo a Jerez (Spagna), dove Alvaro Bautista farà il suo debutto a fianco di Chaz Davies, il 26 e 27 novembre.

Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati #7)
“Nonostante le brutte previsioni meteo, speravo che saremmo stati fortunati almeno al mattino, ma purtroppo così non è stato. La giornata è stata piovosa dall’inizio alla fine, ma sapevamo che prima o poi avremmo dovuto girare in queste condizioni quindi ne abbiamo approfittato per provare a portarci avanti ed è andata piuttosto bene. Non ho cercato i limiti della nuova moto sul bagnato, tenendo presente anche le condizioni della spalla, ma siamo comunque riusciti a portarci avanti con alcuni lavori. A Jerez ripartiremo da qui. Abbiamo una buona base di partenza e le idee molto chiare, che è la cosa più importante in questa fase dello sviluppo”.

Serafino Foti, Team Manager
“Il bilancio del test è positivo, anche se oggi purtroppo le condizioni non erano ideali. Abbiamo effettuato qualche uscita con la pioggia per verificare il comportamento della V4 R sul bagnato, ma senza cercare il limite per evitare rischi inutili, raccogliendo comunque ulteriori dati importanti. Da qui andremo direttamente a Jerez per continuare il nostro programma di sviluppo, sperando di trovare condizioni meteo più favorevoli per sfruttare al meglio gli ultimi giorni di prove prima del nuovo anno”.


A meno di tre settimane dalla chiusura del campionato, il team Aruba.it Racing – Ducati ha dato ufficialmente il via alla propria campagna per il 2019 ad Aragon (Spagna), dove è sceso in pista per il primo di due giorni di prove con Chaz Davies. Il test ha coinciso con l’attesissimo debutto in pista in configurazione WorldSBK della Ducati Panigale V4 R, svelata sotto i riflettori alla Ducati World Première e già ammirata dal grande pubblico ad EICMA.

Davies ha focalizzato il proprio lavoro sulla presa di confidenza con la nuova moto, affinando progressivamente l’ergonomia in funzione del suo stile di guida e corporatura, e raccogliendo dati utili per lo sviluppo. Il gallese ha percorso 61 giri in totale, con un miglior tempo personale di 1’51.180.

Il team Aruba.it Racing – Ducati tornerà in pista domani con Davies per la seconda e conclusiva giornata di prove in vista del ritorno in pista al gran completo a Jerez (Spagna) con anche Alvaro Bautista, il 26 e 27 novembre.

Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati #7) – 1’51.180
“È stato davvero emozionante portare in pista per la prima volta la Panigale V4 R, mi sono sentito come un ragazzino a Natale con un meraviglioso gioco nuovo. Solitamente ci metto un po’ a conoscere e capire una moto, ma onestamente si è verificato l’opposto oggi. Mi sono sentito davvero a mio agio fin da subito. Dopo la prima uscita di ‘rodaggio’ volevo già mettermi a spingere, il che è senza dubbio positivo. In generale, si è trattato di un ottimo inizio. Abbiamo fatto grandi passi avanti e completato la maggior parte del lavoro sull’ergonomia. Abbiamo molte novità da provare ed ancora più dati da analizzare. L’obiettivo oggi era di mettermi progressivamente a mio agio in sella ed iniziare a cucirmi la moto addosso. Adotteremo lo stesso approccio domani, lavorando sulla base e rifinendo alcuni dettagli prima di iniziare a spingere più forte e farci un’idea ancora più chiara del potenziale della moto”.

Marco Zambenedetti, Coordinatore Tecnico Ducati Corse in pista
“Siamo soddisfatti di questa prima giornata, nella quale siamo riusciti a completare il nostro programma di lavoro. Abbiamo percorso i primi chilometri, raccogliendo ottimi feedback per quanto riguarda l’erogazione ed il range di utilizzo del motore. Ora proseguiremo nello sviluppo e affinamento dell’assetto di base, sia qui che a Jerez, dove a Chaz si affiancherà Alvaro Bautista”.


Gara 2 del Campionato Mondiale Superbike 2018 a Losail (Qatar) è stata cancellata a causa del maltempo, che ha causato forti quanto inusuali precipitazioni nell’intera regione desertica circostante. Le condizioni della pista, parzialmente asciugatasi dopo i rovesci del primo pomeriggio ma con alcune curve attraversate da rivoli d’acqua, hanno fatto propendere la Direzione Gara ed i piloti per l’annullamento della gara. Il team Aruba.it Racing – Ducati ha così conquistato il secondo posto in campionato con Chaz Davies, autore di due vittorie e dodici podi quest’anno con 356 punti conquistati in totale. Marco Melandri ha invece chiuso la stagione al quinto posto, con due vittorie e dieci podi in carniere per un totale di 297 punti iridati.

Il round del Qatar ha anche coinciso con l’ultima gara della Panigale R, che in sei edizioni del Campionato Mondiale Superbike ha raccolto in totale 107 podi e 28 vittorie. Il team Aruba.it Racing – Ducati tornerà in pista ad Aragon (Spagna) il 14 e 15 novembre per il primo test con la Panigale V4 di Chaz Davies per poi provare al gran completo a Jerez (Spagna) con anche Alvaro Bautista il 26 e 27 dello stesso mese.

Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati #7)
“La sicurezza è la priorità, anche se immagino sia stato frustrante per i tifosi in pista ed a casa non poter assistere all’ultima ‘danza’ della Panigale R. Cancellare la gara è stata la giusta decisione oggi. Abbiamo chiuso un’altra stagione da vice-campioni, cosa che ci rende felici, ma soprattutto non vedo l’ora di iniziare la nuova sfida con la V4 tra un paio di settimane!”

Marco Melandri (Aruba.it Racing – Ducati #33)
“Dispiace sempre quando non si disputa una gara, ma ha prevalso il buonsenso. Purtroppo, nonostante ci fosse già stato un problema con la MotoGP, probabilmente l’impianto di drenaggio non è stato modificato opportunamente ed in ogni caso oggi ha piovuto davvero tanto. È un peccato, perché non avrei voluto chiudere così la mia carriera, ma correre in queste condizioni non avrebbe avuto senso”.

Marco Zambenedetti, Coordinatore Tecnico Ducati Corse in pista
“Non ci aspettavamo questo finale di stagione ma giustamente ha prevalso la sicurezza. Con oggi si chiude un’era storica per Ducati ed al contempo ne inizia una nuova. Siamo pronti a ripartire e carichi per una nuova sfida con la Panigale V4”.


All’indomani delle prove libere, il team Aruba.it Racing – Ducati è tornato in pista a Losail (Qatar) per Gara 1. Dopo una Superpole più difficile del previsto, Melandri e Davies sono partiti rispettivamente dalla nona e dodicesima casella, effettuando una gara in rimonta. Protagonisti entrambi di una buona partenza, i piloti hanno lottato ai margini della top five per gran parte della gara.

Melandri ha poi chiuso in quinta posizione, mentre Davies è stato confuso insieme ad altri piloti da una segnalazione errata sul display del traguardo – un episodio sfortunato, anche se in questi casi è l’esposizione della bandiera a scacchi a decretare la fine della gara – per poi concludere all’ottavo posto, mantenendo comunque 23 punti di vantaggio nella corsa al secondo posto nella classifica piloti.

Il team Aruba.it Racing – Ducati tornerà in pista sabato 27 ottobre alle ore 15:30 locali (CET +1) per una sessione di warm-up in vista di Gara 2, in programma alle 19:00.

Marco Melandri (Aruba.it Racing – Ducati #33) – 5º
“Alla vigilia non mi sarei aspettato una gara così difficile, e purtroppo lo è stata anche per i miei compagni di marca. Oggi non mi era possibile guidare come avrei voluto. Avevamo difficoltà a fermare la moto ed a farla girare, ed anche a livello di trazione. Per questo ho guidato in maniera un po’ più aggressiva e le gomme sono calate significativamente negli ultimi giri. Domani partiremo dalla prima fila, che è positivo, ma dobbiamo ancora migliorare il setup al posteriore per dare del filo da torcere ai nostri avversari. Il warm-up sarà importante, vogliamo chiudere con un bel risultato”.

Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati #7) – 8º
“È stata una gara più difficile del previsto perché siamo partiti indietro dopo una qualifica complicata, ma abbiamo progressivamente recuperato posizioni. A metà gara sono riuscito a diminuire un po’ il gap da Melandri e Forés, ma poi ho iniziato a sentire l’anteriore chiudersi e la situazione è andata peggiorando. La nostra priorità è chiudere il campionato al secondo posto, quindi a quel punto volevo semplicemente mantenere la posizione. Quando Baz mi ha passato, ho visto il display sul traguardo segnalare ‘ultimo giro’, quindi ho chiuso il gas al passaggio successivo sul traguardo, ma era stata una segnalazione errata. Ho perso un punto ed una posizione in griglia, è un peccato, ma dobbiamo anche migliorare il setup per fare una prestazione migliore nell’ultima gara dell’anno”.

Serafino Foti, Team Manager
“È stata una gara complicata, in quanto non siamo riusciti a trovare la miglior messa a punto possibile per consentire ai nostri piloti di esprimersi al meglio. In ogni caso abbiamo raccolto dati importanti, che analizzeremo per cercare di migliorare la nostra prestazione in Gara 2 e concludere la stagione nel migliore dei modi”.


Con 12 round in archivio, il team Aruba.it Racing – Ducati ha iniziato oggi l’atto finale del Campionato Mondiale Superbike 2018, in scena come di consueto sotto i riflettori del circuito di Losail (Qatar), l’unico dove si corre in notturna. Al termine delle prove libere, Marco Melandri e Chaz Davies si trovano rispettivamente in settima e nona posizione provvisoria nella classifica dei tempi, e accederanno direttamente alla Superpole 2 venerdì.

Melandri, protagonista di un buon inizio in FP1, ha poi focalizzato il proprio lavoro sul miglioramento dell’aderenza in un tracciato solitamente ostico sotto questo frangente a causa della vicinanza col deserto, limando un secondo e mezzo ai propri riferimenti nell’arco della giornata per poi chiudere in 1’57.924, a +0.601 dal miglior tempo provvisorio. Stesso discorso per Davies, che ha migliorato progressivamente per poi terminare il giovedì non distante dal compagno di squadra, in nona posizione (+0.763).

Il team Aruba.it Racing – Ducati tornerà in pista venerdì 26 ottobre alle ore 14:25 locali (CET +1) per la quarta ed ultima sessione di prove libere in vista di Superpole e Gara 1, in programma rispettivamente alle 16:30 ed alle 19:00.

Marco Melandri (Aruba.it Racing – Ducati #33) – 1’57.924 (7º)
“Abbiamo lavorato tanto insieme alla squadra, ma purtroppo è stata una giornata un po’ più difficile del previsto. Fatichiamo ancora in condizioni di scarso grip. Oggi avevamo qualche problema sia in fase di staccata che di percorrenza di curva, cosa che ci ha penalizzato un po’ rispetto ai nostri avversari, ma sfortunatamente la pista non è migliorata quanto ci aspettavamo tra una sessione e l’altra. La priorità domani sarà di migliorare in frenata. Non credo sarà una gara facile ma non ci arrendiamo”.

Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati #7) – 1’58.046 (9º)
“Non siamo ancora al massimo del nostro potenziale, ma nemmeno così lontani come la nona posizione sembrerebbe indicare. Qui in Qatar, la pista è sempre un po’ sporca nei primi turni ma, con il progressivo migliorare delle condizioni dell’asfalto, anche noi abbiamo mostrato passi avanti nell’arco della giornata. Il nostro assetto probabilmente si addice maggiormente a condizioni di maggiore aderenza, ma sul finale ho iniziato a spingere di più e la Panigale R ha risposto bene. Domani la pista sarà in condizioni migliori, cosa che ci aiuterà molto, ma dobbiamo anche migliorare la guidabilità. Vorrei poter raddrizzare la moto più velocemente. Stiamo migliorando, ma vogliamo fare un passo avanti più grande in vista della gara”.


Reduce da una trasferta in Argentina conclusa con due podi, il team Aruba.it Racing – Ducati è pronto ad affrontare l’ultimo round della stagione, in programma come di consueto a Losail (Qatar), l’unico tracciato in calendario ad ospitare gare in notturna. Il circuito alle porte di Doha ha già regalato diverse soddisfazioni alla squadra, che nelle ultime tre stagioni vi ha raccolto due vittorie – con Chaz Davies – e sei podi complessivi.

Per Davies, la priorità sarà innanzitutto sfruttare le caratteristiche della pista – dove ha chiuso sempre al primo o secondo posto nelle ultime quattro gare – per consolidare la seconda posizione nella classifica iridata e chiudere l’anno da vice-campione, un risultato già conseguito due volte nelle ultime tre stagioni. A questo proposito, il gallese si presenta alla vigilia con 24 punti di vantaggio. Marco Melandri, già autore di quattro podi in sei gare dopo la pausa estiva, è invece determinato ad estendere la propria striscia di risultati per chiudere il campionato su una nota positiva. Il round del Qatar avrà inoltre una valenza storica, trattandosi della gara conclusiva sul palcoscenico mondiale della Panigale R, ultimo esemplare di una lunga e blasonata tradizione di moto bicilindriche da competizione progettate e sviluppate da Ducati in attesa del debutto ufficiale dell’attesissima Panigale V4.

Dopo dodici round, Davies (348 punti) e Melandri (286 punti) sono rispettivamente secondo e quinto in campionato. Il team Aruba.it Racing – Ducati tornerà in pista a giovedì 25 ottobre alle ore 16:20 locali (CET +1) per la prima sessione di prove libere.

Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati #7)
“Abbiamo raccolto buoni risultati in Qatar negli ultimi anni, con una doppietta nel 2016 e due secondi posti nel 2017. La seconda posizione in campionato è ancora da assegnare ma abbiamo un buon margine di vantaggio alla vigilia dell’ultimo round, quindi il piano è semplicemente di fare del nostro meglio per consolidarla. Inoltre sarà un round ricco di emozioni perché è la nostra ultima ‘danza’ con la Panigale R. Abbiamo tanti bei ricordi legati a questa moto, e ci impegneremo ancora di più per salutarla nel miglior modo possibile, ma d’altro canto c’è anche tanta attesa per l’inizio di una nuova era con il V4”.

Marco Melandri (Aruba.it Racing – Ducati #33)
“Losail è uno dei tracciati più divertenti e spettacolari in calendario. Correre di notte, poi, lo rende speciale, anche se la preparazione alla gara non cambia. È una pista scorrevole, con molte curve da raccordare, e quindi si addice abbastanza alle mie caratteristiche di guida. Stiamo lavorando bene insieme a tutta la squadra e, dopo il doppio podio in Argentina, mi aspetto di essere competitivo anche qui. È molto importante per noi chiudere con una prestazione degna di nota”.


Dopo aver ottenuto un secondo posto in Gara 1, il team Aruba.it Racing – Ducati è salito nuovamente sul podio con Marco Melandri in Gara 2 a Villicum (Argentina), teatro del dodicesimo round del Campionato Mondiale Superbike. L’italiano ha effettuato una rimonta spettacolare dalla terza fila e, dopo una dura lotta nelle fasi iniziali che lo ha visto scendere fino alla nona posizione, ha risalito la china con diversi sorpassi per chiudere al terzo posto.

Partito dalla quarta fila, Chaz Davies si è districato bene nei primi giri, risalendo fino al terzo posto per poi chiudere in quarta posizione, un risultato che gli ha consentito di portare il proprio vantaggio su Vd Mark (suo avversario nella lotta per la seconda posizione in campionato) a 24 punti. Dopo dodici round, Davies (348 punti) e Melandri (286 punti) sono rispettivamente secondo e quinto in campionato. Il team Aruba.it Racing – Ducati tornerà in pista a Losail (Qatar) per l’ultima gara della stagione, in programma dal 23 al 25 ottobre.

Marco Melandri (Aruba.it Racing – Ducati #33) – 3º
“Anche oggi abbiamo fatto una bella gara, anche se sono un po’ deluso perché stavo rimontando bene dalla terza fila e dopo pochi giri ero già quarto, ma ho commesso un piccolo errore e sono finito largo alla curva 6, rientrando in nona posizione. Dopo ho fatto diversi sorpassi per ritornare in lotta per il podio e, a cinque giri dal termine, ho visto Forés davanti a me ed ho provato a spingere ancora più forte per raggiungerlo, ma lui non ha commesso errori e non è stato possibile chiudere il gap. Il terzo posto era il miglior risultato possibile oggi, ma speriamo di fare ancora meglio in Qatar. Insieme alla squadra stiamo lavorando molto bene, quindi sono fiducioso in vista dell’ultimo round”.

Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati #7) – 4º
“È stato un weekend un po’ travagliato, quindi il quarto posto di oggi può essere considerato positivo. Abbiamo portato a casa punti importanti nella lotta per il secondo posto in campionato, aumentando il nostro vantaggio. Detto ciò, non è stato un round facile. Un paio di problemi tecnici ci hanno fatto partire indietro e ci hanno messo nella posizione di prenderci qualche rischio di troppo. Oggi abbiamo rimontato abbastanza in fretta ed abbiamo lottato per salire sul podio. Sul finale sentivo di avere ancora un po’ di margine ma ho preferito non prendere troppi rischi dopo quanto è successo ieri. Abbiamo un potenziale più alto di quello mostrato qui, e non vedo l’ora di andare in Qatar per metterlo a frutto”.

Serafino Foti, Team Manager
“Il bilancio del weekend è molto positivo per Marco, il quale è stato competitivo in ogni sessione, portando a casa due podi importanti e la pole position. Purtroppo Chaz, non ha avuto un weekend facile a causa di alcuni problemi ma, dopo la scivolata in gara 1, insieme a Marco, oggi ha fatto una grande rimonta. A questo proposito, voglio fare i complimenti a tutti i ragazzi della squadra perché hanno lavorato davvero tanto per consentirci di raccogliere il miglior risultato possibile”.


Il team Aruba.it Racing – Ducati è salito sul podio in Gara 1 a Villicum (Argentina), teatro del dodicesimo round del Campionato Mondiale Superbike, grazie al secondo posto ottenuto da Marco Melandri. L’italiano, autore della pole position con un giro record da 1’39.012, ha mostrato un passo molto competitivo in gara nonostante le condizioni fossero più difficili rispetto al venerdì a causa di un forte vento ed una leggera pioggia, centrando così il suo nono podio stagionale.

Chaz Davies, partito dalla terza fila dopo aver accusato un problema tecnico durante la Superpole, ha lottato duramente recuperando terreno fino a portarsi a ridosso del gruppo in lotta per il podio. Il gallese è tuttavia scivolato nel corso del tredicesimo giro quando si trovava in sesta posizione, fortunatamente senza conseguenze fisiche. Il team Aruba.it Racing – Ducati tornerà in pista domenica 14 ottobre alle 11:30 locali (CET -5) per una sessione di warm-up in vista di Gara 2, con partenza fissata per le ore 16:00 locali.

Marco Melandri (Aruba.it Racing – Ducati #33) – 2º
“La gara di oggi non è stata per nulla facile. C’era molto vento e dopo metà gara ha iniziato a piovigginare, quindi abbiamo dovuto prestare molta attenzione. Comunque abbiamo dimostrato di avere un bel passo. Abbiamo sofferto un po’ con l’anteriore nei primi giri, poi abbiamo preso un bel ritmo ma Rea era già troppo lontano per tentare una rimonta senza prendere rischi eccessivi. Quando la pista ha iniziato a diventare ancora più scivolosa a causa della pioggia, ho deciso di non forzare, mantenendo la posizione. Il secondo posto era il miglior risultato possibile per noi oggi, ma proveremo a fare di meglio domani. Speriamo di partire bene dalla terza fila, non vedo l’ora di riprovarci”.

Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati #7) – Rit.
“Il nostro piano per la gara era di trovare gradualmente il ritmo, e ad inizio gara sono riuscito a recuperare posizioni ed avvicinarmi al gruppo in lotta per il podio. Tuttavia, è molto difficile sorpassare qui perché c’è solo una traiettoria ‘pulita’. Dopo aver preso la scia a Sykes nel rettilineo posteriore, ho provato a passarlo in staccata alla curva 6, una delle più pulite. Il posteriore però si è bloccato e, nel tentativo di stabilizzare la moto, ho alleggerito la pressione sui freni perdendo l’anteriore sullo sporco. Guardando al lato positivo, il nostro passo oggi non era male, quindi abbiamo buone possibilità di rifarci domani”.

Marco Zambenedetti, Coordinatore Tecnico Ducati Corse in pista
“È stata una gara dolceamara per noi. Da una parte, Marco ha confermato la sua competitività su questa pista dopo un venerdì positivo, siglando la pole position e portando a casa un ottimo secondo posto in condizioni difficili. Dall’altra, Chaz è stato penalizzato da un problema tecnico in qualifica ed è scivolato nel tentativo di recuperare posizioni. Lavoreremo duramente per consentire ad entrambi i piloti di esprimersi al meglio in Gara 2 domani”.

Programma del weekend (CET -5):

Domenica (14 ottobre)
11:30 – 11:45 SBK Warm-up
16:00 SBK Gara 2