Archivio per la categoria ‘Aruba Racing’

La stagione 2021 è già iniziata per il team Aruba.it Racing – Ducati che questa mattina è sceso in pista con Scott Redding e Michael Rinaldi per il primo test in vista della stagione 2021.
Malgrado la pioggia che ha iniziato a cadere a fine mattinata interrompendo l’attività in pista, sia Scott che Michael sono stati in grado di completare un buon numero di giri.

Scott Redding ha lavorato su alcune soluzioni che saranno introdotte nella stagione 2021 di WorldSBK ed i risultati sono stati apprezzabili. Il pilota inglese ha concluso 39 giri risultando il più veloce con il tempo di 1’36.581.

Micheal Rinaldi è invece sceso in pista con l’obiettivo di prendere confidenza con la versione 2020 della Ducati Panigale V4 R concludendo 29 giri e ottenendo informazioni utili in vista dei prossimi test.

Scott Redding (Aruba.it Racing – Ducati)
“Abbiamo provato alcune cose che potranno servire nella prossima stagione ed il risultato è stato positivo. Malgrado la pioggia che ci ha costretti a chiudere il test molto presto, siamo stati in grado di raccogliere informazioni positive su cui Ducati può lavorare in inverno. Adesso mi prenderò una piccola pausa ma inizierò presto ad allenarmi per arrivare nelle condizioni ideali all’inizio della prossima stagione”.

Michael Rinaldi (Aruba.it Racing – Ducati)
“Purtroppo la pioggia ha rovinato il nostro piano ma abbiamo comunque avuto la possibilità di completare un po’ di giri per iniziare a raccogliere dati su cui lavorare. Le sensazioni sono estremamente positive. Sono rimasto sorpreso dalla versione 2020 della Ducati Panigale V4 R soprattutto per la fase di frenata. Non vedo l’ora di tornare in pista”.

L’ultima gara della stagione 2020 di WorldSBK regala una grande emozione al team Aruba.it – Racing Ducati che conquista per la prima volta il titolo nella classifica riservata ai team (introdotta nel 2011) grazie alla terza straordinaria doppietta stagionale di Chaz Davies (P1) e Scott Redding (P2).

I due piloti britannici sono protagonisti di una gara sensazionale e dopo la bandiera a scacchi percorrono un giro celebrativo per arrivare insieme al Parc Ferme e festeggiare con tutto il team.

Chaz Davies, partito dalla quarta posizione, prende la testa della corsa dopo due curve. Il suo passo gara è incisivo e gli consente di gestire la prima posizione fino alla bandiera a scacchi.

Dopo una clamorosa rimonta nella Superpole Race (da P22 a P6), Scott Redding spinge forte nei primi giri e si mette subito alla caccia del gruppo del podio mettendo pressione a Rea (Kawasaki) che cade al nono giro. A metà gara il gap con Razgatlioglu è di 2 secondi e mezzo ma Scott ci crede e a cinque giri dalla fine attacca il turco per conquistare la seconda posizione.

Scott Redding conclude la stagione 2020 di WorldSBK al secondo posto mentre Chaz Davies si classifica terzo. Nella classifica riservata ai costruttori, Ducati finisce in seconda posizione ad un solo punto da Kawasaki.

P1 – Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati #7)
“E’ stata una giornata ricca di emozioni, prima in griglia poi al parco chiuso. I miei ragazzi mi hanno fatto emozionare e li ringrazio per tutta la passione e l’impegno con il quale hanno lavorato in questi anni. Un pensiero ed un grande ringraziamento a tutto il team Aruba.it Racing – Ducati per ciò che ha fatto per me e per quello che abbiamo passato insieme. Credo che questo sia il modo migliore per salutare la squadra, un risultato che tutto il team merita e sono felice per aver regalato loro questa soddisfazione. E’ stata una gara molto bella, sono andato in pista con grande determinazione ed il feeling con la moto era assolutamente straordinario. E sono felice di aver festeggiato con tutta la squadra. Emozioni che non dimenticherò mai”.

P2 – Scott Redding (Aruba.it Racing – Ducati #45)
“Sono estremamente felice per questo risultato. Non è stata per me una gara facile. Nei primi giri ho avuto qualche problema e non sono riuscito ad essere veloce. Sono rimasto però concentrato e da metà gara il feeling è cresciuto e mi ha permesso di spingere al massimo per riuscire a prendere Toprak. Credo sia un grande finale di stagione per noi e sono felice di aver condiviso il podio con Chaz. In questa stagione abbiamo fatto un grande lavoro e ringrazio Ducati per avermi messo nelle condizioni di poter lottare per il titolo. Posso dire che il secondo posto nel primo anno in Superbike è un risultato accettabile ma nella prossima stagione dovremo fare meglio. Grazie a tutto il team Aruba.it Racing – Ducati per il grande supporto e lo straordinario lavoro di questi mesi. Ciao Ragazzi!”

Stefano Cecconi (Team Principal Aruba.it Racing – Ducati #45)
“Non ci poteva essere modo migliore per chiudere la stagione. Salutiamo Chaz e lo ringraziamo per i risultati, la professionalità e l’impegno profuso in questi anni. Oggi ci ha fatto emozionare ancora una volta, prima in pista poi al parco chiuso insieme alla sua squadra. Un ringraziamento a tutto il team, ai ragazzi che hanno dato il massimo in una stagione molto complicata, facendo sacrifici e lavorando sempre in modo encomiabile. Non siamo riusciti a vincere il titolo piloti, siamo arrivati ad un punto dal mondiale costruttori ed abbiamo vinto la classifica riservata ai team. Dobbiamo essere orgogliosi per ciò che siamo riusciti a fare in questa stagione. Da domani, però, inizia già il 2021 nel quale avremo solo un obiettivo, quello di migliorarci ancora e fare quell’ulteriore step che ci potrà permettere di ottenere i risultati per cui lavoriamo ogni giorno con grande impegno”.

Grazie ad una rimonta entusiasmante, Chaz Davies conquista il secondo gradino del podio nella Gara-1 del Pirelli Estoril Round (ottavo podio stagionale, 1 vittoria) ottenendo così il terzo posto nella classifica finale del Campionato del Mondo Superbike 2020. Scott Redding, partito dall’ultima posizione, è costretto al ritiro dopo 6 giri dovendo quindi abbandonare con due gare di anticipo la corsa al titolo 2020, vinto da Jonathan Rea (Kawasaki).

Il sabato dell’Estoril è iniziato con una drammatica Superpole che ha visto cadere prima Redding e poi Rea (classificatosi 15°). Dopo aver dominato tutte le sessioni di prove libere, Scott cade nel primo giro della Superpole a causa di uno spaventoso high side. Malgrado il grave ritardo nel trasporto della moto, i meccanici del suo team compiono un vero e proprio miracolo riuscendo a metterlo nelle condizioni di tornare nuovamente in pista. Purtroppo, solo per una manciata di secondi il pilota inglese non riesce a passare sulla linea del traguardo prima della bandiera a scacchi, trovandosi quindi costretto a partire dall’ultima posizione della griglia.

Dopo una partenza difficile dalla quarta posizione (settimo alla prima curva), Chaz Davies è protagonista di una grande rimonta. La sua progressione è costante e al quarto giro supera Rinaldi (Ducati) per portarsi in quinta posizione. Il passo gara del pilota Gallese è estremamente incisivo e gli consente di chiudere il gap con Gerloff (Yamaha) e Rea che supera a metà gara per poi controllare agevolmente il secondo posto fino alla bandiera a scacchi.

Scott Redding, dolorante alla gamba destra dopo la caduta in Superpole, prova a spingere al massimo recuperando 8 posizioni nei primi due giri. Al sesto giro, quando si trovava in undicesima posizione, deve purtroppo abbandonare la gara per un problema tecnico. All’esordio nel campionato del Mondo Superbike, Scott Redding si classifica al secondo posto.

Il team Aruba.it Racing – Ducati tornerà a correre domani alle 12 (CET) nella Superpole Race con l’obiettivo di ridurre ulteriormente lo svantaggio nei confronti di Kawasaki (19 punti) per dare l’assalto al titolo costruttori in Gara-2, ultimo evento della stagione 2020 di WorldSBK.

P2 – Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati)
“Purtroppo non sono riuscito a convertire con una buona partenza la miglior qualifica della stagione. Mi sono trovato subito in una posizione abbastanza difficile ma fin dai primi ho sentito che il feeling con la moto era eccellente. Ho iniziato a recuperare posizioni, inseguendo Van Der Mark (Yamaha) per ottenere il terzo posto nella classifica finale. Dopo la sua caduta ho spinto ancora di più per poter conquistare un altro podio. E’ un grande risultato e ringrazio il team per il lavoro svolto negli ultimi due mesi nei quali abbiamo fatto grandi passi in avanti. Tornerò in pista domani con un po’ di pressione in meno e questo potrebbe aiutarmi ad ottenere altri risultati importanti”.  

DNF – Scott Redding (Aruba.it Racing – Ducati)
“Come ho detto all’inizio di questo week end, sono venuto in Portogallo per dare tutto. Sono stato il più veloce in tutte le sessioni, il feeling con la moto era eccellente e le sensazioni estremamente positive. Purtroppo sono caduto in Superpole: è stata una caduta molto strana e dovremo capire perché. E’ stato un peccato che la moto sia tornata al box così tardi. Il mio team ha fatto un lavoro incredibile e mi sarebbero bastati pochi secondi in più per provare almeno un time attack. Poi in gara c’è stato un problema tecnico ma partendo dall’ultima posizione era davvero difficile poter fare qualcosa di importante. Voglio fare i complimenti a Jonathan. E’ stata una grande battaglia, con tanto rispetto. Ci riproverò nella prossima stagione. So di potercela fare. Non mi arrendo mai”.

La prima giornata di prove libere del Pirelli Estoril Round, ultimo evento della stagione 2020 di WorldSBK, si chiude con il primo posto di Scott Redding – che fa registrare il miglior tempo sia nelle FP1 che nelle FP2 – e con i tangibili progressi di Chaz Davies che riesce a migliorarsi in modo convincente nel pomeriggio.

Scott Redding è dominante nelle FP1 grazie ad una serie impressionante di giri veloci, facendo registrare il suo miglior tempo al ventesimo giro con la gomma usata. Dopo aver lavorato sul set up della sua Ducati Panigale V4 R, nell’ultimo run della FP2 il pilota inglese spinge al massimo e abbassa di oltre tre decimi il tempo del mattino.

Nelle FP1 Chaz Davies non riesce ad essere incisivo e chiude in 10° posizione con un distacco piuttosto ampio sul suo compagno di squadra. Nel pomeriggio, però, il pilota gallese riesce ad incrementare nettamente il feeling con la Ducati Panigale V4 R migliorando di quasi un secondo il suo chrono per chiudere in settima posizione.   

P1 – Scott Redding (Aruba.it Racing – Ducati #45)
“Sono soddisfatto per ciò che abbiamo fatto oggi. Nel pomeriggio abbiamo provato alcune soluzioni che però non hanno funzionato come speravamo così siamo tornati al set up del mattino. Il circuito nuovo? E’ una situazione normale in questa stagione. Potrei dire che in questo week end anche gli altri piloti proveranno questo tipo di esperienza che per me è stata una costante in gran parte della stagione. Obiettivo per domani? Una buona qualifica sarà determinante per tutte le gare”.

P7 – Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati #7)
“Tutto sommato le cose non sono andate male oggi. Ho corso qui 15 anni fa con la 250cc ma è chiaro che le condizioni con la Superbike sono completamente differenti. Per questo ho cercato nelle FP1 di prendere confidenza con il circuito per capire dove sarà possibile attaccare e dove invece sarà necessario gestire le gomme. Nelle FP2 la situazione è migliorata ma dovremo lavorare ancora sul set up e sull’elettronica per fare quel passo in avanti che ci manca per riuscire ad essere competitivi domani”.

Per la seconda volta nella stagione 2020, il circus della WorldSBK farà tappa su un circuito inserito solo quest’anno in calendario. Dopo il weekend di Barcellona di metà settembre, sarà il Circuito Estoril, in Portogallo, ad ospitare un inedito round che oltretutto decreterà chi tra Jonathan Rea (Kawasaki) e Scott Redding sarà incoronato campione del mondo Superbike.

Il distacco in classifica del pilota inglese di Aruba.it Racing – Ducati è ampio (59 punti) ma Scott Redding ed il suo team daranno comunque il massimo per mantenere viva la competizione.

L’obiettivo di Chaz Davies sarà invece quello di prendersi ancora delle soddisfazioni per chiudere nel migliore dei modi un percorso di sette anni che lo ha visto correre ed ottenere grandi risultati con le Ducati ufficiali e, nelle ultime 5 stagioni, con il team Aruba.it Racing – Ducati.

Scott Redding (Aruba.it Racing – Ducati)
“Ho già corso sul Circuito di Estoril ma sono passati più di 10 anni. Ricordo che non fosse esattamente il mio circuito preferito ma mi piaceva molto tutto il contesto e sarà una bella sensazione tornare a correre la. Anche perché le condizioni meteo dovrebbero essere nettamente migliori di quello che abbiamo trovato a Magny-Cours. E’ l’ultima gara del campionato e continuerò a lottare fino alla fine. E’ stata una grande stagione, abbiamo imparato molto e cercheremo di fare un grande weekend”.

Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati)
“E’ chiaro che la mia speranza fosse quella di continuare insieme nel 2021, ma anche le cose buone devono finire prima o poi. Questi 7 anni da pilota Ducati e Aruba.it Racing sono stati indimenticabili. Ho tanti bei ricordi di quello che abbiamo fatto insieme: 27 vittorie, 86 podi, tre volte secondo e un terzo posto assoluto nel campionato del mondo sono tutti risultati di cui andare fieri. Voglio ringraziare sinceramente tutti coloro che sono stati coinvolti in questo progetto e i Ducatisti che mi hanno sostenuto in questi anni! Farò del mio meglio questo fine settimana per chiudere questo capitolo con una nota positiva e cercare di ottenere un altro terzo posto finale nella classifica generale. Anche se sono passati ormai 15 anni dall’ultima volta che ho corso ad Estoril, ho nitidi ricordi del circuito. Non vedo l’ora di andare in pista per essere competitivo nell’ultimo week end di questa particolare stagione”.

Il team Aruba.it Racing – Ducati è lieto di annunciare che sarà il pilota italiano Michael Ruben Rinaldi a difendere insieme a Scott Redding i colori della squadra italiana nella stagione WorldSBK 2021 con la Ducati Panigale V4 R ufficiale. 

Michael Ruben Rinaldi è nato a Rimini il 21 dicembre 1995 ed ha iniziato a correre con le minimoto all’età di 7 anni, vincendo il campionato italiano nel 2006. Dopo la vittoria nel campionato italiano Sport Production 2011, affronta nel 2014 la sua prima esperienza internazionale nel campionato europeo Superstock 600, che chiude in seconda posizione nel 2015. Nel 2016 Rinaldi sale in sella alla Ducati Panigale R del team Aruba.it Racing – Junior nel campionato SuperStock 1000 FIM chiudendo al sesto posto per poi trionfare l’anno successivo conquistando il titolo di campione europeo. Con il team Aruba.it Racing – Junion, Michael Ruben Rinaldi esordisce anche in WorldSBK nella stagione 2018 partecipando soltanto alle gare europee per poi disputare il campionato completo l’anno successivo con il Barni Racing Team. Nella stagione ancora in corso Rinaldi ha ottenuto il primo successo in WorldSBK con la Panigale V4 R del team Go Eleven in Gara-1 ad Aragon, round che lo ha visto salire sul podio anche nella Superpole Race (P3) e in Gara-2 (P2).

Stefano Cecconi (Team Principal Aruba.it Racing – Ducati)
“Con grande entusiasmo diamo il benvenuto nel nostro team a Michael. Questo è per noi motivo di profonda soddisfazione oltre che una conferma della bontà del progetto che abbiamo intrapreso cinque anni fa con il nostro Junior team. Proprio Rinaldi ne è stato uno dei grandi protagonisti, ottenendo importanti risultati: gli stessi che ci aspettiamo possa conquistare nella prossima stagione. Un forte ringraziamento a Chaz Davies per tutti gli anni passati insieme fin da quando, con Aruba.it, abbiamo deciso di intraprendere questa affascinante avventura e durante i quali si è creato un legame di profonda stima e fiducia. L’affetto per l’uomo e per il pilota rimarrà sempre intatto e per questo vogliamo augurare a Chaz il meglio per il futuro, sia dentro che fuori dal circuito”.

Luigi Dall’Igna (Direttore Generale di Ducati Corse)
“Siamo contenti di dare il benvenuto a Michael Ruben Rinaldi nella squadra ufficiale. Quest’anno Michael ha dimostrato una grande competitività, coronata dalla vittoria di Aragon, ed è sempre stato in lotta per le posizioni di vertice. Crediamo che sia giunto per lui il momento di passare nella squadra ufficiale e siamo convinti che abbia davanti a sé un brillante futuro.  Desidero ringraziare Chaz, che in questi sette anni è stato un ottimo ambasciatore per il nostro marchio ed ha ottenuto dei risultati molto importanti con noi: 27 vittorie più altri 59 podi e per tre volte consecutive vice-campione del mondo. Cercheremo di chiudere nel migliore dei modi questa nostra avventura insieme nel prossimo weekend di gara a Estoril.”

Michael Ruben Rinaldi
“Dopo un appassionante percorso in Ducati, approdare nel team ufficiale è per me un onore, oltre che la conferma della qualità del lavoro svolto in questi anni. Il mio primo obiettivo sarà quello di ripagare la fiducia che mi è stata concessa e potrò farlo soltanto attraverso i risultati che riuscirò ad ottenere. Per un pilota italiano, correre con la Ducati è una sensazione straordinaria e sono certo che la passione del popolo ducatista mi darà una spinta in più. Vorrei ringraziare Stefano Cecconi e la famiglia Aruba che ha sempre creduto in me e Daniele Casolari, Serafino Foti e tutta la Feel Racing per avermi supportato in questi anni. Un pensiero particolare a Claudio Domenicali, Gigi Dall’Igna e Paolo Ciabatti per avermi fatto partecipe di questo nuovo progetto. Vorrei infine coinvolgere in un ideale abbraccio la famiglia Ramello, Denis Sacchetti e tutti i ragazzi del team Go Eleven. Grazie a loro sono riuscito a fare un salto di qualità importante che mi ha permesso di raggiungere questo fantastico traguardo. E naturalmente voglio ringraziare anche la mia famiglia per avermi sostenuto fin dall’inizio, insieme a Germano Bertuzzi il cui sostegno è stato fondamentale per me. A tutti sento di promettere il mio massimo impegno con l’obiettivo di ottenere insieme dei grandi risultati”.

Il team Aruba.it Racing – Ducati festeggia la quinta vittoria nella stagione 2020 di WorldSBK grazie alla sensazionale prestazione di Chaz Davies. Scott Redding, invece, non riesce a trovare il giusto feeling con la sua Ducati Panigale V4 R e chiude gara-2 al sesto posto.

Chaz Davies costruisce il suo primo successo del 2020 grazie ad una solida Superpole Race che chiude al quarto posto dopo aver recuperato 7 posizioni. La partenza in Gara-2 è straordinaria ed al quarto giro Chaz è già al comando dopo aver superato Rinaldi (Ducati). Il passo gara del pilota gallese è incisivo e gli consente di difendersi agevolmente dall’attacco di Van Der Mark (Yamaha) per festeggiare con il suo team al Parc Ferme.

Sia nella Superpole Race che nella Race-2, Scott Redding non riesce a trovare le condizioni ideali per essere performante. Il pilota inglese scatta dall’ottava posizione in gara-2 e spinge al massimo riuscendo ad ingaggiare un bel duello con Rea (Kawasaki) tra il sesto ed il decimo giro. Il suo passo gara, però, non gli consente di ridurre il gap con il gruppo di testa e lo costringe a finire la gara in sesta posizione.

Malgrado questo risultato, Scott Redding (239 punti) rimane ancora in corsa per la vittoria del Campionato del Mondo di Superbike anche se, a due round dalla fine, il suo distacco da Jonathan Rea è adesso di 51 punti.
Chaz Davies (188 punti) consolida il suo terzo punto con 10 punti di vantaggio su Van Der Mark (Yamaha).

P1 – Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati #7)
“E’ stata una grande vittoria. La sensazione è quella di essere riusciti a mettere insieme tutti i pezzi del puzzle. Forse lo abbiamo fatto con un po’ di ritardo ma la cosa importante è aver raggiunto questo obiettivo. Ringrazio la mia squadra che anche ieri sera ha lavorato fino a tardi per sistemare alcune cose sul set up che poi hanno funzionato alla grande. Il passo gara è stato molto buono fin dai primi giri e questo mi ha permesso di rimanere in testa per gestire la gara. Sono davvero molto soddisfatto”.   

P6 – Scott Redding (Aruba.it Racing – Ducati #45)
“E’ stata una domenica molto difficile per me. Sia nella Superpole Race che nella Race-2 ho avuto dei problemi, soprattutto in fase di frenata. Questo mi ha limitato molto perchè non sono mai riuscito a trovare il giusto ritmo per poter essere competitivo. E’ un peccato: mi aspettavo di poter fare bene oggi. Questo è un duro colpo per la classifica del Campionato del Mondo ma non mi arrenderò certo adesso. E’ chiaro, però, che dovremo lavorare molto per avere una moto performante come lo era due mesi fa”.

Serafino Foti (Team Manager Aruba.it Racing – Ducati)
“Vogliamo fare I nostri complimenti a Chaz per la straordinaria vittoria che ha ottenuto oggi. Questo è un premio anche per il lavoro svolto da tutta la sua squadra che non ha mai mollato e ha sempre creduto nella possibilità di potergli mettere a disposizione una moto performante. Poi è chiaro che Chaz abbia fatto il resto guidando in maniera magistrale. Purtroppo è stata una giornata difficile per Scott. Dopo il secondo posto di ieri eravamo convinti potesse essere competitivo anche nelle gare di oggi. E’ un peccato non essere riusciti a metterlo nelle condizioni per potersi esprimere al meglio e lottare per il podio”.    

Il team Aruba.it Racing – Ducati chiude con un doppio podio la Race-1 del primo storico “Catalunya Round” sul circuito del Montmelò a Barcellona (Spagna).
Scott Redding e Chaz Davies mettono in pista tutto il loro orgoglio e reagiscono alla grande ad una qualifica difficile che li ha costretti a partire rispettivamente dalla settima e undicesima posizione.

La partenza di Scott è estremamente positiva e alla seconda curva il pilota inglese si trova già in seconda posizione. Nei primi giri Redding ingaggia un bel duello con Rinaldi (Ducati) poi da metà gara cerca di spingere per ridurre il gap con Rea (Kawasaki) che riesce però a difendersi bene.

La progressione di Chaz è costante fin dalla prima curva. Partito dalla quarta fila, nei primi 4 giri il pilota gallese supera Lowes (Kawasaki), poi Razgatlioglu (Yamaha) e si porta in sesta posizione. Il suo passo gara è incisivo e gli consente di prendere Van Der Mark (Yamaha) prima di mettersi a caccia del podio che ottiene con il sorpasso su Rinaldi a 3 giri dalla fine.

Scott Redding (227 punti) è secondo nella classifica del Campionato del Mondo di Superbike a 41 punti dal leader Jonathan Rea.
Chaz Davies (150 punti) aggancia Toprak Razgatlioglu in terza posizione.

P2 – Scott Redding (Aruba.it Racing – Ducati #45)
“Il feeling con la moto durante la gara è stato buono a differenza di quanto è successo in qualifica. Ho inizio bene e questo mi ha permesso di stare subito nel gruppo davanti. Nei primi giri ho combattuto con Rinaldi che aveva la gomma morbida ed ho perso un po’ di contatto con Rea. Ho provato a recuperare ma non è stato possibile. E’ stata comunque una buona gara, un buon risultato anche per il team. Purtroppo davanti a me è arrivato l’unico pilota che non doveva arrivare. Faccio comunque i complimenti a Jonathan”.

P3 – Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati #7)
“Purtroppo i problemi di grip avuti in qualifica mi hanno costretto a partire molto indietro sulla griglia ma i primi due giri sono stati molto buoni e sono riuscito a fare una bella rimonta. Nella prima parte di gara, però, il passo non era sufficiente per poter provare a ridurre il gap con il gruppo di testa. Spero domani mattina di poter fare un’altra buona partenza nella SuperPole Race per ottenere un buon risultato e partire più avanti nella Race 2”.

La pioggia caduta nel primo pomeriggio ha condizionato il primo giorno di attività del Catalunya Round consentendo ai piloti di scendere in pista in condizioni di asciutto soltanto nelle FP1 del mattino.

Scott Redding e Chaz Davies hanno chiuso rispettivamente 9° e 11° ma le loro posizioni nella classifica finale non sono indicative. I due piloti del team Aruba.it Racing – Ducati, sono stati infatti tra i pochissimi ad aver girato per tutta la sessione con la stessa gomma – senza tentare il time attack – e facendo registrare tempi molto interessanti.
Nelle FP2 Scott e Chaz hanno preso confidenza con il circuito in condizioni di bagnato anche in previsione dell’eventuale pioggia ipotizzata dalle previsioni meteo per la tarda mattinata di domani.  

Scott Redding (Aruba.it Racing – Ducati #45)
“E’ stata una giornata molto particolare che ci ha permesso di scendere in pista in condizioni diverse. Per questo ritengo che sia stato un primo giorno positivo al termine del quale abbiamo raccolto dati interessanti. Nelle FP1 il feeling con la moto è stato buono. Abbiamo lavorato a lungo con la gomma usata e alla fine della sessione ho preferito non provare il time attack. Le sensazioni sono positive”.

Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati #7)
“Sono piuttosto soddisfatto per ciò che abbiamo fatto oggi, soprattutto nelle FP1 in condizioni di asciutto. Abbiamo concluso molti giri con la stessa gomma ed il passo gara è stato incisivo. Abbiamo cercato di lavorare soprattutto sul grip con risultati positivi. Il piano del pomeriggio era quello di provare altre soluzioni sulle gomme ma la pioggia non ce lo ha permesso. Sono comunque molto fiducioso”.   

Per la prima volta il Campionato del Mondo Superbike scende in pista sul circuito di Montmelò per l’inedito Catalunya Round, sesto week end della stagione 2020 di WorldSBK che proseguirà tra due settimane in Francia a Magny-Cours, per concludersi in Portogallo con l’Estoril Round in programma a metà ottobre.

Il team Aruba.it Racing – Ducati è già a lavoro sul circuito di Barcellona dove ad inizio luglio ha svolto due intensi giorni di test che hanno dato indicazioni positive oltre a fornire una grande quantità di dati su cui lavorare prima dell’inizio delle prove libere che prenderanno il via venerdì alle 10.30.
L’obiettivo di Scott Redding è quello di ridurre in modo consistente il gap (-36 punti) dal leader della classifica Rea (Kawasaki) mentre Chaz Davies andrà alla caccia della prima vittoria stagionale dopo i due secondi posti (ed un P3) ottenuti ad Aragon.

Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati #7)
“Sarà una sfida interessante su un circuito nuovo per noi. Abbiamo raccolto dati importanti nel test di luglio e le sensazioni sono state incoraggianti. Sulla carta potrebbe essere un circuito positivo per la Ducati. Sono fiducioso di poter far bene ed allungare il trend di risultati positivi dopo i tre podi ottenuti ad Aragon”.

Scott Redding (Aruba.it Racing – Ducati #45)
“Durante i test a Barcellona il feeling è stato positivo ma è chiaro che il race weekend sia sempre una storia diversa. Spero di riuscire a fare ulteriori passi in avanti rispetto alle buone sensazioni del test. Ad Aragon abbiamo fatto fatica soprattutto in un paio di curve che sono simili a quelle che troveremo a Barcellona. Dovremo lavorare per sistemare questi dettagli già da venerdì”.