Archivio per la categoria ‘News’

Per il Barni Racing Team è stato un weekend storico! Nel primo round del CIV 2021, disputato al Mugello Circuit, il team guidato da Marco Barnabò vince in tutte le gare. Luca Salvadori ha dominato la classe SBK 1000 del National Trophy e Nicholas Spinelli ha portato alla vittoria la Ducati Panigale V2 nella Big Supersport.

Il primo a scendere in pista è stato Spinelli: partito dalla seconda posizione, Nicholas è stato protagonista di un bel duello con Ciprietti, in gara con un’altra Ducati Panigale V2, e grazie a un doppio 1’54.9 (giro veloce in gara) negli ultimi due giri è riuscito a regolare il suo avversario. Il Barni Racing Team e Spinelli portano così al successo la Panigale V2 955 alla prima gara assoluta in un trofeo.

Se Spinelli ha vinto in volata, Salvadori ha dominato la classe 1000 con la Ducati Panigale V4 R. Pur essendo stato protagonista di una partenza poco felice dalla pole position, il #23 è transitato in testa già al primo giro e ha imposto alla gara un passo insostenibile per tutti gli altri, siglando anche il giro veloce (1’51.750). Salvadori ha così tagliato il traguardo dopo una gara praticamente in solitaria.

Con questi risultati Spinelli e Salvadori comandano con 25 punti rispettivamente nella classe Big Supersport e nella 1000 Superbike del National Trophy.

Luca Salvadori, #23 

«Purtroppo lo stacco della frizione alla partenza non è stato perfetto, ma ho capito subito che i miei avversari avevano problemi a mandare in temperatura le gomme, così ho cercato di portarmi in testa il prima possibile. Sapevo di avere un passo molto consistente e ho mantenuto le aspettative. Il team ha lavorato in un modo impeccabile e correre con una moto così è davvero un piacere, per questo ringrazio “Barni” e tutti i ragazzi che lavorano sulla moto».

Nicholas Spinelli, #23 

«Sono molto contento del risultato, ma soprattutto di come abbiamo lavorato con la squadra. Sono migliorato turno dopo turno e in gara ho trovato un buon passo, tanto che sono riuscito ad andare forte anche negli ultimi giri. Vincere al debutto è stato veramente bello, non vedo l’ora di tornare in pista a Misano».

Marco Barnabò, Team Principal Barni Racing Team 

«Meglio di così non poteva andare, questi risultati ci ripagano di tutti gli sforzi che facciamo a casa per preparare le gare e qui in pista per mettere a punto le moto.  Per questo voglio ringraziare Luca e Nicholas che sono riusciti a concretizzare il lavoro della nostra squadra, oggi sono stati tutti impeccabili».

Alle 14.45 è tornata in pista anche la classe Superbike del CIV dopo la gara 1 disputata al sabato, vinta da Michele Pirro in volata. Anche gara 2 è stata piuttosto movimentata, ma questa volta l’avversario del pilota di San Giovanni Rotondo è stato Vitali (Honda) e non Ferroni. I due sono arrivati attaccati al rush finale, Vitali ha provato il sorpasso al penultimo giro, Pirro ha risposto poche curve dopo ed è riuscito a mantenere la testa fino al traguardo, tagliato con quattro decimi di vantaggio.

Pirro, grazie alla doppietta sale a quota 50 punti nel CIV SBK ed è in testa alla classifica di campionato con 14 punti di vantaggio su Vitali.

Michele Pirro, #51 

«Ogni gara è una storia a sé. Le condizioni cambiano e avendo fatto pochi chilometri di test ogni situazione è una nuova pagina da scrivere. Anche oggi mi sono dovuto adattare: ho cercato di trovare il mio passo e poi mi sono giocato le mie carte nel finale. Quest’anno le Honda vanno molto forte e Vitali è quello che interpreta meglio la moto. Oggi ha fatto una bella gara, ma anche grazie agli sforzi e al lavoro del team sono riuscito a fare doppietta. Faccio ancora i complimenti alla mia squadra e spero che questo sia solo il primo capitolo di una bella stagione».

Marco Barnabò, Team Principal Barni Racing Team 

«Meglio di così non poteva andare, questi risultati ci ripagano di tutti gli sforzi che facciamo a casa per preparare le gare e qui in pista per mettere a punto le moto.  Per questo voglio ringraziare Michele che è riuscito a concretizzare il lavoro della nostra squadra, oggi sono stati tutti impeccabili».

Francesco Bagnaia ha conquistato il suo secondo podio stagionale nel GP del Portogallo disputato quest’oggi sull’Autodromo Internacional do Algarve nei pressi di Portimão.

Costretto a partire dalla undicesima posizione in griglia, dalla quarta fila, dopo aver perso la pole position in qualifica per aver segnato il miglior tempo in regime di bandiera gialla, il pilota del Ducati Lenovo Team è stato protagonista oggi in gara di una straordinaria rimonta. Dodicesimo al primo passaggio, Pecco ha girato con un ritmo costante, superando uno a uno i suoi avversari ed ha raggiunto il gruppo di testa a sette giri dal termine. Entrato nella lotta per il podio, il pilota piemontese ha sferrato l’attacco decisivo su Mir e, dopo la caduta di Rins, ha conquistato il secondo posto che ha mantenuto fino al traguardo. Grazie al risultato di oggi, Bagnaia sale in seconda posizione anche nella classifica generale, a quindici punti dal nuovo leader Quartararo. 

Prova sfortunata invece per Jack Miller. Partito con il quarto tempo, il pilota australiano si trovava al sesto posto, nel gruppo dei primi, ma una scivolata nel corso del sesto giro ha posto fine prematuramente alla sua gara. Dopo i primi tre appuntamenti della stagione 2021, Miller occupa la dodicesima posizione in classifica con 14 punti, Ducati è seconda nella classifica costruttori, mentre il Ducati Lenovo Team è terzo nella classifica riservate alle squadre.
 
Francesco Bagnaia (#63 Ducati Lenovo Team) – 2°

“Sono molto contento del risultato di oggi in gara! Partendo undicesimo, il mio obiettivo era quello di finire nella top five, invece sono riuscito a salire sul podio! Tra l’altro questa è una pista dove lo scorso anno ero stato molto in difficoltà, ma quest’anno il mio feeling con la moto era davvero incredibile e mi ha permesso di compiere questa grande rimonta. Negli ultimi giri ho faticato molto, ma alla fine sono riuscito a difendere il secondo posto dagli attacchi di Mir e adesso siamo anche secondi in campionato. Ringrazio la mia squadra per il grande lavoro che abbiamo fatto insieme in questo weekend! Ora andremo a Jerez, un’altra pista che mi piace davvero molto.”

Jack Miller (#43 Ducati Lenovo Team) – Ritirato
“Sicuramente questo non è il modo in cui speravamo di chiudere il fine settimana. Oggi mi sentivo forte e, dopo una buona partenza, sapevo che avrei dovuto iniziare a spingere. Purtroppo sono arrivato molto vicino ad Aleix Espargaro, ho frenato tardi, chiedendo troppo alla gomma anteriore. La caduta è stata completamente un mio errore. Gli ultimi tre weekend sono stati piuttosto difficili, ma ho passato momenti molto più complicati nella mia carriera. Ora, dobbiamo solo continuare a fare bene il nostro lavoro, cercando di rimanere concentrati per ottenere dei buoni risultati già dalla prossima gara”.

Il Ducati Lenovo Team tornerà in pista fra due settimane, dal 30 aprile al 2 maggio 2021, sul Circuito de Jerez-Ángel Nieto, in Andalusia, per il Gran Premio di Spagna.

Nella classe 1000, dopo aver dominato tutti i turni, Luca Salvadori – in sella alla Ducati Panigale V4 R – si è confermato anche nella seconda e decisiva sessione di qualifica e grazie all’ 1’51.142 siglato nella Q1 partirà dalla pole position. La gara scatterà alle 12.20 sulla distanza di 10 giri. Alle 11.40, invece, l’appuntamento con la Big Supersport che vedrà la Ducati Panigale V2 di Spinelli scattare dalla seconda posizione. Il pilota abruzzese ha ottenuto il miglior tempo nella Qualifica 2, ma con 1’54.871 è secondo nella classifica combinata dei tempi.

Luca Salvadori, #23 

«Oggi è stata una bellissima giornata, abbiamo messo a posto la moto per le mie esigenze. Sono riuscito a migliorare il passo anche quando la gomma ha più grip. Domani devo semplicemente mettere in pratica quello che ho imparato in questi giorni di test e in questa doppia qualifica».

Nicholas Spinelli, #23 

«Nella Qualifica 2 sono riuscito a girare in 1’54” centrando il mio target. Questo mi ha portato in prima fila, ma la cosa che mi rende più felice è che gli sforzi del team hanno portato al risultato che volevamo. Ora non resta che cercare di ottenere un buon risultato anche in gara». 

Cambiano le moto, le gomme e i regolamenti, ma nel CIV Superbike vince Michele Pirro. È il verdetto del Mugello dove è in corso il primo round del Campionato Italiano Velocità 2021.

Pirro ha regolato sul traguardo la sorpresa Ferroni (Aprilia) e si è preso la vittoria numero 41 in sella a una Ducati del Barni Racing Team nella classe regina del CIV.

Nelle Qualifiche 2, disputate al mattino, il pilota di San Giovanni Rotondo non è riuscito a migliorare il suo tempo del venerdì (1’50.986) e si è schierato in quarta posizione sulla griglia di partenza, con il terzo tempo tra le moto in configurazione CIV.  

Scattato dalla seconda fila, Pirro ha controllato il suo ritmo nelle prime fasi di gara, poi, attorno al quarto giro, ha rotto gli indugi portandosi alla guida di un gruppetto composto da cinque piloti che comprendeva la Ducati di Zanetti, le Honda di Gabellini e di Vitali e l’Aprilia di Ferroni. Solo quest’ultimo è riuscito a tenere il passo della Ducati #51 e i due sono arrivati vicini al rush finale. A tre giri dalla fine Ferroni ha preso il comando con un sorpasso alla Bucine, ma Pirro ha risposto al giro successivo alla staccata della San Donato. I due sono arrivati al traguardo separati da soli 38 centesimi. Pirro conquista così la vittoria della prima gara del 2021 e i primi 25 punti nella classifica di campionato. Domani alle 14.45 il via di gara 2, sempre sulla distanza di 14 giri.

Michele Pirro, #51 

«Vincere è sempre bello, ma continuare a farlo dopo tanti anni e in situazioni sempre diverse ha un sapore particolare. Con questo nuovo regolamento credo che si sia fatto un passo indietro non solo a livello di sviluppo della moto, ma anche in termini di sicurezza. Sicuramente ne beneficia lo spettacolo, ma con questa elettronica più che pensare alla performance bisogna cercare di gestire la gomma e così ho fatto. Grazie all’impegno del team la moto ha fatto grandi progressi in questi tre giorni e oggi sono riuscito a concretizzare il lavoro della squadra».

Marco Barnabò, Team Principal Barni Racing Team 

«Anche se nel CIV abbiamo vinto tante gare questa ha un sapore decisamente diverso dalle altre. Veniamo da una stagione negativa in termini di risultati e questo basterebbe per rendere speciale una giornata così. Abbiamo lavorato molto per essere pronti all’inizio di questa stagione e voglio fare un ringraziamento particolare a Michele e a tutti quelli che si sono impegnati per far nascere nel migliore dei modi questo nuovo progetto».

Il Ducati Lenovo Team è sceso in pista oggi sull’Autódromo Internacional do Algarve, per la seconda giornata del GP del Portogallo, terzo appuntamento della stagione MotoGP 2021. Con il sole finalmente tornato a splendere sul circuito di Portimão e le condizioni dell’asfalto migliorate rispetto a ieri, sia Pecco Bagnaia che Jack Miller sono riusciti a guadagnare l’accesso diretto alla Q2, siglando rispettivamente il terzo e sesto miglior tempo complessivo al termine del terzo turno di libere.

Nella qualifica di questo pomeridiano, Miller ha migliorato ulteriormente i propri riferimenti chiudendo al quarto posto grazie ad un buon giro in 1:39.061, assicurandosi la partenza dalla seconda fila dello schieramento nella gara di domani.

Bagnaia, che nei minuti finali della sessione di Q2 era riuscito a conquistare la pole position, siglando anche il nuovo record della pista con un formidabile giro in 1:38.494, dovrà invece partire in undicesima posizione. Il suo crono è stato infatti successivamente cancellato, poiché segnato in regime di bandiera gialla, esposta dopo la caduta di Oliveira. Il pilota piemontese sarà quindi costretto a partire dalla quarta fila dello schieramento per la gara in programma domani alle ore 13:00 locali (14:00 italiane).

Jack Miller (#43 Ducati Lenovo Team) – 4° (1:39.061)
“Oggi in qualifica non sono riuscito a centrare un giro perfetto e forse avrei potuto fare qualcosa di più, ma la seconda fila non è male e partire dalla quarta posizione ci permetterà sicuramente di provare a stare subito nel gruppo dei primi dopo la partenza. Le condizioni del braccio destro sono perfette e non ho avvertito nessun problema neanche dopo aver compiuto diversi giri in 1:40 quest’oggi. Vediamo come si comporterà sulla distanza dei 25 giri, ma sono fiducioso di poter lottare per un buon risultato domani”.

Francesco Bagnaia (#63 Ducati Lenovo Team) – 11° (1:39.482)
“Sono ovviamente dispiaciuto di aver perso la pole position. Ero riuscito a segnare davvero un tempo incredibile e nello spazio di pochi minuti mi sono stati cancellati due giri. Purtroppo la bandiera gialla era esposta in un punto dove era impossibile vederla: arrivavo da una discesa, stavo già impostando la curva a sinistra e la bandiera si trovava a destra. Ma queste sono le regole e perciò bisogna rispettarle. Domani partiremo in undicesima posizione e non sarà facile recuperare, ma ci proveremo. Il mio ritmo di gara è molto buono, il feeling con la moto è ottimo e mi sento davvero a mio agio su questa pista”.

Francesco Bagnaia ha chiuso al comando la prima giornata di prove libere del GP del Portogallo, terzo appuntamento della stagione MotoGP 2021, in programma questo fine settimana sull’Autódromo Internacional do Algarve, nei pressi di Portimão.

Veloce già nella FP1 di questa mattina, disputata in condizioni di pista inizialmente umida e poi asciugatasi nei minuti finali del turno, Pecco ha confermato la sua ottima forma sul tracciato portoghese anche nel pomeriggio. Nonostante la pista non fosse nuovamente in condizioni perfette, dopo la leggera pioggia caduta qualche istante prima della sessione, il pilota piemontese ha saputo sfruttare bene il suo time attack, chiudendo in 1:39.866 e aggiudicandosi il primo posto al termine della giornata.

Inizio positivo anche per Jack Miller, reduce dall’intervento chirurgico all’avambraccio destro di dieci giorni fa, che ha dimostrato fin da subito di sentirsi a suo agio in sella alla Desmosedici GP. Il pilota australiano ha chiuso il venerdì in quinta posizione, a 470 millesimi dal compagno di squadra, grazie ad un giro veloce in 1:40.336.

Francesco Bagnaia (#63 Ducati Lenovo Team) – 1° (1:39.866)
“Sono molto soddisfatto del lavoro portato a termine in questa prima giornata: nella FP2 il mio feeling con la moto era ottimo e mi ha permesso di segnare il miglior tempo nonostante le condizioni della pista non fossero perfette. Domani le temperature saranno sicuramente più alte e anche il grip sarà più elevato. Sarà importante riuscire ad entrare subito nella Q2 e, soprattutto, riuscire ad avere un ritmo costante nella FP4”.

Jack Miller (#43 Ducati Lenovo Team) -5° (1:40.336)
“Sono davvero contento di essere di nuovo qui a Portimão, un tracciato sul quale mi diverto molto! Il braccio non mi ha dato nessun tipo di problema e mi sono sentito a mio agio in sella alla moto fin da subito. Le condizioni oggi non erano ottimali dopo la pioggia caduta in diverse occasioni. Speriamo di poter trovare una situazione più lineare domani che ci permetta di lavorare sul ritmo di gara e di spingere in qualifica”.

I piloti del Ducati Lenovo Team torneranno in pista domani, sabato 16 aprile, alle ore 9:55 (10:55 italiane) per la terza sessione di prove libere, mentre le qualifiche si disputeranno dopo la FP4 a partire dalle 14:10 (15:10 italiane).

Dopo le prime due gare extra-europee disputate in Qatar, il Ducati Lenovo Team arriva in Portogallo per affrontare il terzo round del Campionato Mondiale MotoGP 2021, in programma questo weekend sull’Autódromo Internacional do Algarve. Introdotto in calendario per la prima volta lo scorso anno, il tracciato situato nel sud del paese, nei pressi di Portimão, è famoso grazie al suo particolare layout ricco di saliscendi, che gli hanno valso il soprannome di “montagna russa”.

Quarto in classifica generale, Francesco Bagnaia arriva in Portogallo determinato a disputare un’altra buona gara. Il pilota piemontese, che lo scorso anno era stato costretto al ritiro dopo pochi giri a causa di un contatto alla prima curva, è fiducioso di poter continuare il suo trend positivo grazie alle ottime sensazioni avute con la sua Desmosedici GP negli ultimi due appuntamenti.

Jack Miller, operato con successo di recente per sindrome compartimentale all’avambraccio destro, punta a rientrare a Portimão per lottare per un buon risultato. Il pilota australiano, che lo scorso anno era salito sul secondo gradino del podio assicurando a Ducati il secondo titolo costruttori in MotoGP, ha lavorato intensamente in questi giorni per riuscire a recuperare in tempo per il GP del Portogallo. Giovedì pomeriggio Miller si sottoporrà alla visita di controllo per ottenere il via libera dei medici alla partecipazione al Gran Premio.

Il weekend di Portimão inizierà venerdì mattina con la prima sessione di prove libere alle 9:55 locali (le 10:55 in Italia) mentre la gara, sulla distanza di venticinque giri, è prevista per domenica pomeriggio alle ore 13:00 locali (le 14:00 in Italia).

Francesco Bagnaia (#63 Ducati Lenovo Team) – 4° (26 punti)
“Questa pausa di quasi due settimane è servita molto e ora sono pronto per il primo GP in Europa. Portimão è un tracciato davvero unico: lo scorso anno ho faticato molto qui, ma per me si trattava di un momento complicato della stagione. Quest’anno affronterò il Gran Premio del Portogallo con una carica diversa: nelle ultime due gare in Qatar il mio feeling con la Desmosedici GP è stato davvero ottimo e questo mi rende fiducioso. Sono sicuro di avere tutti i mezzi per poter lottare per un altro buon risultato domenica”.

Jack Miller (#43 Ducati Lenovo Team) – 9° (14 punti)
“Dopo l’operazione all’avambraccio destro ho iniziato subito il programma di riabilitazione e tutto sta procedendo come previsto. La pista di Portimão mi piace molto e ho dei ricordi molto belli della gara dell’anno scorso, dove sono riuscito ad arrivare secondo dopo una emozionante battaglia con Morbidelli. Purtroppo quest’anno non sarò al 100% della mia forma fisica ma, come sempre, cercherò di dare il massimo per portare a casa il miglior risultato possibile”.

Si è concluso il test privato di Aragon che ha visto il team Aruba.it Racing – Ducati chiudere due giorni di proficuo lavoro sul circuito del Motorland caratterizzati da un meteo clemente malgrado un fastidioso vento che si è alzato durante alcune run.
Scott Redding e Michael Ruben Rinaldi (rispettivamente 86 e 88 giri completati nei due giorni) hanno proseguito il lavoro di sviluppo delle rispettive Ducati Panigale V4 R ottenendo indicazioni estremamente utili in vista del primo round della stagione 2021 di WorldSBK previsto per fine maggio proprio sul circuito del Motorland di Aragon.

Dopo una prima giornata caratterizzata da un grande equilibrio con Chaz Davies, Micheal Rinaldi e Scott Redding nelle prime 3 posizioni divisi da soli 111 millesimi di secondo, nella fase finale della giornata odierna i due piloti del team Aruba.it Racing – Ducati hanno provato anche una simulazione di qualifica ottenendo risultati positivi. Scott Redding (1:48.780) ha sfruttato nel migliore dei modi la gomma da qualifica sfiorando per soli 13 millesimi il record della pista fatto registrare da Rea (Kawasaki) lo scorso settembre. Michael Rinaldi ha avuto un buonissimo passo con la gomma da gara senza però riuscire a sfruttare al meglio la gomma da qualifica e chiudendo con il tempo di 1:49.205.

Il prossimo appuntamento per il team Aruba.it Racing – Ducati è per il test privato sul circuito di Navarra (Spagna) fissato per il 5-6 Maggio.

Scott Redding (Aruba.it Racing – Ducati #45)
“Sono molto soddisfatto per i miglioramenti che siamo riusciti a fare con la moto soprattutto durante la fase centrale della giornata odierna. Mi sono trovato a mio agio con la gomma da gara e devo dire di aver sentito un ottimo feeling anche con la soft, con cui avevo avuto qualche difficoltà lo scorso anno proprio su questo circuito. Con la gomma da qualifica ho fatto un buon tempo e questo mi rende molto felice dato che considero questo circuito uno dei più difficili per me. Non sono stati due giorni facili ma il team, come sempre, ha fatto un grande lavoro per trovare le soluzioni ai problemi che si sono presentati”.

Michael Ruben Rinaldi (Aruba.it Racing – Ducati #21)
“Sono stati due giorni molto produttivi perché abbiamo migliorato la moto e anche il feeling. Se devo essere sincero penso di essere migliorato anche come stile di guida e per questo sono molto soddisfatto per il lavoro che abbiamo fatto. Il passo gara non è male ma dobbiamo migliorare senz’altro con la gomma nuova perché nei primi giri non riesco a sfruttarla nel migliore dei modi. Non vedo l’ora di essere a Navarra per il prossimo test: una pista nuova che non conosco. Faremo un intenso programma e cercheremo di completarlo”.

Un Motorland Aragon freddo e ventoso, nella prima giornata, ha ospitato i protagonisti del circus Superbike. Per l’occasione sono presenti, e scenderanno ancora in pista nella giornata di domani, le formazioni complete Ducati e Yamaha. 

In mattinata il vento gelido e le basse temperature dell’asfalto hanno costretto Chaz Davies ad attendere un paio di ore prima di uscire dalla pit lane con la sua Ducati azzurra. Una volta scaldati i motori, il lavoro si è focalizzato sulle geometrie ed il bilanciamento della moto. Nel pomeriggio il tracciato si è velocizzato notevolmente, tanto che i tempi si sono avvicinati a quelli delle gare dello scorso anno. Il Team Go Eleven ha potuto, così, svolgere vari test comparativi tra le diverse soluzioni di set up presenti sulle due Panigale V4RS in dotazione, cercando un buon equilibrio in vista della prima gara stagionale, che si terrà proprio sul circuito di Aragon, il 22/23 Maggio. A fine giornata è stato Chaz Davies il pilota più veloce, abbattendo il muro del 1.50, con il best lap di 1.49.878, ottenuto con relativa facilità di guida. Il cronometro conta sempre poco nei test prestagionali, ma sicuramente aiuta a creare una bella armonia all’interno della squadra!

Domani vi saranno altre otto ore di lavoro in pista, dove la squadra cercherà di migliorare ulteriormente il feeling di Chaz in sella!
Day 1 Results:
P 1   C. Davies   1.49.878
P 2   M. Rinaldi   + 0.069
P 3   S. Redding   + 0.111

Denis Sacchetti (Team Manager):
“Qui ad Aragon abbiamo proseguito il lavoro iniziato nei test di Barcellona. La squadra sta lavorando bene e Chaz ci sta dando indicazioni precise e davvero molto interessanti. Adesso ci stiamo concentrando sulla geometria della moto e la distribuzione dei pesi. Sono contento di questa prima giornata, non tanto per il risultato finale, anche se chiudere davanti fa sempre bene, ma per le sensazioni positive del pilota e dello staff!”

Chaz Davies (Rider):
“Oggi abbiamo provato un nuovo bilanciamento dei pesi sulla moto, ed abbiamo trovato una giusta direzione da seguire, anche se siamo solo all’inizio del lavoro. I feedback sono positivi, abbiamo comparato la moto di oggi a quella che ho usato negli scorsi due anni qui ad Aragon. La cosa migliore di oggi è che mi sono sempre sentito a mio agio in sella, con qualsiasi mescola di gomma. E’ un bel salto in avanti rispetto ai test di Barcellona, di una settimana fa circa. Penso che abbiamo anche un bel piano di lavoro per domani e diverse aree da esplorare!”