Archivio per la categoria ‘Ducati’

Giovedì 30 settembre alle 16.00 andrà in scena il primo appuntamento con la web series Ducati World Première 2022: un percorso a episodi attraverso cui la Casa motociclistica bolognese mostrerà agli appassionati di tutto il mondo i nuovi modelli della gamma Ducati 2022. Tutte le puntate saranno visibili sul sito Ducati.com, sul canale YouTube e sui social della casa di Borgo Panigale.
La stagione culminerà il 9 dicembre 2021, quando Ducati svelerà la novità tanto attesa: la DesertX.

La DesertX è la nuova Adventure bike di Ducati pensata per offrire grandi capacità off-road grazie ad una ciclistica tutta nuova disegnata intorno alla ruota anteriore da 21” e sfrutterà le prestazioni e l’affidabilità del motore Testastretta da 937 cmraffreddato a liquido.

Che si tratti di esplorare le colline dietro casa, sfidare il deserto o scoprire nuovi sentieri di montagna, la nuova Ducati DesertX è la moto che consentirà ai motociclisti di trasformare in realtà i sogni di viaggio più avventurosi.

Di seguito il calendario di tutte le puntate della web series Ducati World Première 2022:

30 settembre 2021: Ducati World Première – Episodio 1 | Your everyday wonder
14 ottobre 2021: Ducati World Première –Episodio 2 | Mark your roots
28 ottobre 2021: Ducati World Première – Episodio 3 | Rule all mountains
11 novembre 2021: Ducati World Première – Episodio 4 | A new Fighter in town
25 novembre 2021: Ducati World Première – Episodio 5 | The evolution of Speed
9 dicembre 2021: Ducati World Première – Episodio 6 | Dream Wilder – DesertX

Nello stabilimento di Borgo Panigale è cominciata la produzione della Panigale V2 Bayliss 1st Championship 20th Anniversary, la moto in serie numerata che Ducati ha realizzato per omaggiare la leggendaria carriera di Troy Bayliss, in occasione del ventesimo anniversario dalla conquista del Campionato Mondiale Superbike 2001. A partire dal mese di ottobre la moto sarà disponibile nelle concessionarie della rete Ducati.
Questo speciale modello è entrato fin da subito nel cuore dei fan di Troy in tutto il mondo. Infatti, fin dai primi giorni dopo la presentazione in occasione della gara WSBK di Assen, la moto è stata ordinata da tantissimi appassionati, coprendo già larga parte della produzione dei prossimi mesi.

Presentata in un episodio della Ducati World Première 2022 con Troy Bayliss protagonista (qui il link al video ), la versione “Bayliss 1st Championship 20th Anniversary” è realizzata partendo dalla base della Panigale V2 e si caratterizza per la livrea celebrativa, la cui grafica si ispira a quella della 996 R che nella stagione 2001 ha accompagnato il pilota australiano alla conquista del primo dei suoi tre titoli mondiali, rivisitandone colori e tagli. Il rosso Ducati è il colore principale della moto e si unisce al verde e al bianco in un tributo all’italianità della Casa motociclistica bolognese, mentre sui lati e sul frontale spiccano l’iconico n°21, numero di gara di Troy Bayliss, e il logo Shell, che rafforzano visivamente il legame con la moto da corsa. Sul serbatoio è riprodotto l’autografo di Troy, mentre sulla piastra di sterzo in alluminio ricavata dal pieno sono riportati il nome della moto e la numerazione progressiva di questo modello speciale.

Per rendere la moto ancora più efficace nella guida in pista, Ducati ha scelto di dotare la Panigale V2 Bayliss 1st Championship 20th Anniversary della componentistica Öhlins. La forcella NX30 e l’ammortizzatore posteriore TTX36 garantiscono massima scorrevolezza e sono progettati per ottenere le migliori prestazioni in circuito, con un assetto che rende la moto più precisa e offre al pilota un maggior feeling e un maggior supporto in tutte le fasi di guida. L’ammortizzatore di sterzo, grazie alle regolazioni di cui è dotato, permette di personalizzarne la taratura adattandola allo stile di guida e alle caratteristiche del tracciato.

Rispetto alla versione standard, la Panigale V2 Bayliss 1st Championship 20th Anniversary è anche più leggera di 3 kg , grazie all’adozione della batteria agli ioni di litio e alla scelta della configurazione monoposto che richiama esplicitamente il look della moto da gara (sella passeggero e pedane sono disponibili nell’equipaggiamento a corredo).

L’equipaggiamento è completato dalle manopole sportive, dalla cover del finale del silenziatore in fibra di carbonio e titanio e dalla sella pilota realizzata abbinando due diversi materiali tecnici con doppia cucitura rossa. Sulla sella è ricamato il numero 21 di Troy in bianco affiancato da due bande verticali di colore verde e rosso a comporre la bandiera italiana.

 Il 21 è un numero magico per Ducati da quando Troy Bayliss lo ha scolpito con le sue vittorie nella storia del motociclismo. Proprio nel 2021, a vent’anni dalla conquista del Campionato Mondiale Superbike 2001, Ducati omaggia la leggendaria carriera del pilota australiano dedicandogli una moto speciale, prodotta in serie numerata, che celebra il primo dei tre titoli WorldSBK vinti da Bayliss: nasce così la Ducati Panigale V2 Bayliss 1st Championship 20th Anniversary.

Il legame tra Bayliss e Ducati Corse nel Campionato Mondiale Superbike è una delle storie più affascinanti dell’universo del motorsport. Il risultato di questa bellissima avventura sono 52 vittorie, 94 podi e ben tre titoli mondiali (2001, 2006 e 2008) conquistati con tre moto diverse: le bicilindriche 996 R, 999 R e 1098 R. Troy Bayliss è stato l’unico motociclista nella storia capace di vincere in MotoGP e nel WorldSBK nella stessa stagione (2006) e le sue imprese in gara hanno impresso indelebilmente il nome dell’australiano nel cuore di tutti i Ducatisti. Ora l’intesa vincente tra Ducati e “Baylisstic” si riaccende con la creazione di questa moto celebrativa, il cui nome è stato scelto direttamente dal pilota, che ha contribuito attivamente anche alla creazione del concept grafico.

Realizzata partendo dalla base della Panigale V2, la versione “Bayliss 1st Championship 20th Anniversary” si caratterizza per la speciale livrea , la cui grafica si ispira a quella della 996 R che nella stagione 2001 ha accompagnato Bayliss alla conquista del suo primo titolo mondiale, rivisitandone colori e tagli. Il rosso Ducati è il colore principale della moto e si unisce al verde e al bianco in un tributo all’italianità della Casa motociclistica bolognese, mentre sui lati e sul frontale spiccano l’iconico n°21, numero di gara di Troy Bayliss, e il logo Shell, che rafforzano visivamente il legame con la moto da corsa. Sul serbatoio è riprodotto l’autografo di Troy, mentre sulla piastra di sterzo in alluminio ricavata dal pieno sono riportati il nome della moto e la numerazione progressiva di questo modello unico.

Per rendere la moto ancora più efficace nella guida in pista, Ducati ha scelto di dotare la Panigale V2 Bayliss 1st Championship 20th Anniversary della componentistica Öhlins . La forcella NX30 e l’ammortizzatore posteriore TTX36 garantiscono massima scorrevolezza e sono progettati per ottenere le migliori prestazioni in circuito, con un assetto che rende la moto più precisa e offre al pilota un maggior feeling e un maggior supporto in tutte le fasi di guida. L’ammortizzatore di sterzo, grazie alle regolazioni di cui è dotato, permette di personalizzarne la taratura adattandola allo stile di guida e alle caratteristiche del tracciato.

Rispetto alla versione standard, la Panigale V2 Bayliss 1st Championship 20th Anniversary è anche più leggera di 3 kg, grazie all’adozione della batteria agli ioni di litio e alla scelta della configurazione monoposto che richiama esplicitamente il look della moto da gara (sella passeggero e pedane sono disponibili nell’equipaggiamento a corredo). 

L’equipaggiamento è completato dalle manopole sportive, dalla cover del finale del silenziatore in fibra di carbonio e titanio e dalla sella pilota realizzata abbinando due diversi materiali tecnici con doppia cucitura rossa. Sulla sella è ricamato il numero 21 di Troy in bianco affiancato da due bande verticali di colore verde e rosso a comporre la bandiera italiana. La moto monta inoltre le pompe freno e frizione autospurganti con serbatoi olio in colorazione fumè.

La Panigale V2 è la super-mid delle sportive Ducati e rappresenta il modello d’ingresso alla famiglia Panigale. È spinta dal bicilindrico Superquadro da 955 cm³ (conforme alla normativa Euro 5), con una potenza massima di 155 CV a 10.750 giri/minuto e una coppia massima di 104 Nm a 9.000 giri/minuto. La ciclistica è basata sul telaio monoscocca, mentre il design elegante e sportivo si ispira a quello della Panigale V4.

Il pacchetto elettronico, dedicato alla sicurezza attiva e al controllo della dinamica del veicolo, prevede la funzionalità “cornering” applicata all’ABS Bosch, il cambio elettronico con funzionamento anche in scalata e i controlli di trazione, freno motore e impennata (Ducati Quick Shift, Ducati Traction Control, Ducati Wheelie Control, Engine Brake Control). Tutti i controlli sono integrati nei tre Riding Mode (Race, Sport e Street) modificabili tramite il cruscotto TFT a colori da 4,3″ con grafica e interfaccia studiate per rendere intuitiva la navigazione del menù e la regolazione dei settaggi, oltre che l’immediata identificazione del Riding Mode selezionato.

La moto è stata presentata ufficialmente da Ducati attraverso un episodio speciale della Ducati World Première (qui il link per vederlo ) realizzato al Museo Ducati, in pista e a casa di Bayliss in Australia. Alla presentazione delle caratteristiche della moto e al racconto dell’incredibile rapporto tra Ducati e “Baylisstic” hanno contribuito l’Amministratore Delegato Claudio Domenicali, il Team Manager Ducati Corse Davide Tardozzi, al fianco di Bayliss per tutta la sua carriera in Ducati, il Direttore del Centro Stile Ducati Andrea Ferraresi e l’Head of Product Communications di Ducati Giulio Fabbri, oltre allo stesso Troy che ha condiviso con i Ducatisti i suoi ricordi e le emozioni più memorabili vissute in sella.

Anche l’universo World Superbike renderà omaggio alla carriera di Bayliss in occasione del Round 5 della stagione, in programma nel weekend sul tracciato di Assen. Nella giornata di venerdì 23 luglio alle 13.00 il campione australiano sarà protagonista di una conferenza stampa virtuale al Paddock Show insieme al Direttore Sportivo Ducati Corse Paolo Ciabatti, in cui saranno ricordate le fasi salienti della vittoria del primo titolo di Troy, conquistato proprio sul circuito olandese. Domenica 25 luglio alle 12.05, dopo la SuperPole Race, la Panigale V2 Bayliss 1st Championship 20th Anniversary compirà un giro d’onore in pista, guidata dal pilota ufficiale dell’Aruba.it Racing – Ducati Team Michael Ruben Rinaldi, che gareggia nel WorldSBK con lo stesso numero di Bayliss.

Il ventesimo anniversario dalla conquista del primo titolo di Troy Bayliss con Ducati è celebrato a Borgo Panigale con una mostra temporanea all’interno del Museo Ducati dal titolo “Troy Story: the Legend of a Champion” che espone le moto con cui Troy è stato in grado di scrivere pagine memorabili nella storia del motociclismo. La mostra è visitabile fino al 19 settembre 2021 (qui maggiori informazioni sulle visite al Museo Ducati).

La Panigale V2 Bayliss 1st Championship 20th Anniversary sarà disponibile nei concessionari della rete Ducati a partire da fine settembre 2021 al prezzo di 20.990 € franco concessionario (prezzo riferito al mercato italiano).

Presso il Misano World Circuit Marco Simoncelli venerdì 16 luglio 2021 debutta il DRE Champs Day, il format pensato da Ducati per consentire ai suoi appassionati di vivere una doppia esperienza da sogno: girare in sella a una Panigale su uno dei tracciati più noti al mondo e conoscere di persona i piloti Ducati che gareggiano nel World Superbike Championship. A Misano saranno presenti Scott Redding e Michael Rinaldi (Aruba.it Racing Team), Michele Pirro (collaudatore ufficiale Ducati), Axel Bassani (Motocorsa Racing Team) e Tito Rabat (Barni Racing Team), che si alleneranno in vista del round di Assen e saranno a disposizione dei partecipanti all’evento.

Il pacchetto creato per il DRE Champs Day prevede 3 sessioni di guida in pista in sella alla Panigale V2 o alla Panigale V4 S con gli esperti istruttori del DRE che faranno da apripista. Prima di iniziare a divertirsi in sella alla propria Ducati preferita, i partecipanti avranno l’esclusiva possibilità di farsi spiegare i segreti del tracciato di Misano direttamente da Scott Redding e Michael Rinaldi, di assistere all’intervento di Giovanni Crupi, ingegnere di pista di Redding, che racconterà la preparazione al weekend di gara e il lavoro sul setting della moto di Scott, e anche di raccogliere il briefing dal direttore tecnico della DRE Racetrack Academy Dario Marchetti.

Durante il DRE Champs Day ci sarà anche uno spazio dedicato ai giovani piloti tra i 18 e i 24 anni muniti di patente A2 con il “DRE Rookie Essentials” , una versione ridotta del collaudato format “DRE Rookie Academy”, in cui i motociclisti più giovani alterneranno un momento di didattica ad alcuni esercizi pratici svolti nel paddock del circuito di Misano, orientati a migliorare il controllo e lo stile di guida. Le moto della gamma Ducati a disposizione per questa attività sono il nuovo Monster, la SuperSport 950 e le “800” della famiglia Scrambler®.

Nel corso della giornata del 16 luglio sarà inoltre possibile per chiunque (previa prenotazione e sino ad esaurimento posti) effettuare un test ride in sella alla Multistrada V4 S in un percorso con partenza dal circuito di Misano, studiato ad hoc per poter apprezzare a pieno le qualità della moto, accompagnati da un team di professionisti Ducati per tutta la durata dell’esperienza. Gli appassionati di e-bike potranno invece scoprire le prestazioni delle Mountain Bike elettriche Ducati powered by Thok, TK-01 RR e Mig-S , in un tour organizzato sulle splendide colline romagnole.

Per ulteriori informazioni sul programma, i prezzi e le modalità di partecipazione al DRE Champs Day è possibile visitare la sezione dedicata del sito Ducati.com (qui il link), dove le iscrizioni sono già aperte. Per prenotare gratuitamente la sessione di test ride su Multistrada V4 S o sulle e-bike Ducati powered by Thok è sufficiente scrivere una mail a experience@ducati.com, attendere la conferma della disponibilità e presentarsi il 16 luglio con abbigliamento idoneo.

Ducati presenta MG-20, la prima e-bike pieghevole in magnesio della linea Ducati Urban e-Mobility, sviluppata in licenza da MT Distribution.

La nuova MG-20 è agile e leggera. Il carattere sportivo Ducati è sottolineato dal design distintivo del telaio, caratterizzato da un profilo fluido e aerodinamico, e dalle linee decise dei cerchi a sei razze, entrambi realizzati con tecnica di pressofusione.

Telaio, forcelle e cerchi sono realizzati in magnesio, un materiale che assicura leggerezza e solidità, garantendo quindi il massimo delle prestazioni senza influire sulla capacità di resistenza agli urti. Le dimensioni contenute delle ruote (20” x 2,125”) e la possibilità di richiudere facilmente l’e-bike e i pedali rendono MG-20 il mezzo ideale per gli spostamenti urbani, comodo anche per l’utilizzo combinato con mezzi pubblici e privati grazie all’ingombro minimo.

L’e-bike monta un motore posteriore da 250W in grado di riconoscere le condizioni della strada, la pendenza e la forza impiegata nella pedalata, fornendo il livello di assistenza adeguato a seconda della modalità di guida selezionata. La batteria SAMSUNG da 36V 10.5Ah 378Wh è integrata nel telaio e può essere estratta per una ricarica più comoda. Una piena carica permette di percorrere fino a 50 km, a una velocità massima di 25km/h, come da normativa.

La gestione delle funzioni principali, come accensione luci e selezione fra tre livelli di assistenza (12-18-25 km/h), avviene tramite il display LCD waterproof. Il faro LED frontale e le bande catarifrangenti sulle ruote assicurano una guida più sicura anche di notte.

Come tutti i prodotti Ducati Urban e-Mobility, l’acquisto dell’e-bike pieghevole MG-20 include un anno di assicurazione AXA Tutela Famiglia.

MG-20 sarà disponibile a partire da luglio 2021 presso i concessionari e nell’e-shop ufficiale Ducati, oltre che nei negozi di elettronica di consumo specializzati e nei principali store online.

Ulteriori informazioni su tutti i prodotti della gamma Ducati Urban e-Mobility sono disponibili sul sito www.ducatiurbanemobility.it.

Al via a Modena dal 1 al 4 luglio la terza edizione del Motor Valley Fest, l’appuntamento clou dell’industria automobilistica italiana. Ducati, insieme a Ferrari, Maserati, Lamborghini, Pagani, Dallara ed Energica, sarà in prima fila per quattro giorni di convegni, tavole rotonde ed eventi.

Un appuntamento imperdibile che racconta l’eccellenza di brand delle auto e delle moto nati in Emilia Romagna e noti in tutto il mondo, per scoprire, attraverso un ricco programma di attività, l’innovazione e la storia della tradizione automobilistica e motoristica italiana.

Per la prima volta partecipano congiuntamente anche i 4 circuiti della Regione, il “Riccardo Paletti” di Varano, l’Autodromo di Modena, l’Autodromo Internazionale “Enzo e Dino Ferrari” e il “Misano World Circuit Marco Simoncelli”.

La presenza di Ducati al festival si articola in diversi luoghi e momenti, a partire da giovedì 1 luglio con la conferenza di inaugurazione seguita dal taglio del nastro di apertura, che vede la partecipazione di Claudio Domenicali, Presidente dell’Associazione Motor Valley Development e Amministratore Delegato Ducati:

“Motor Valley rappresenta la capacità del nostro territorio di fare rete e valorizzare a livello turistico e industriale gli asset disponibili in questa Valley unica al mondo quali circuiti internazionali, collezioni private e brand dell’automotive. Esprime anche la capacità di esaltare le innovazioni tecnologiche, il design unico, le performance e le professionalità che questi marchi incarnano. In questo senso Motor Valley Fest è un’importante occasione di confronto tra i maggiori protagonisti internazionali del settore oltre che un’opportunità di rilancio e di condivisione della passione per le due e quattro ruote, altro valore caratterizzante della nostra Regione. L’associazione esalta anche il prestigio e il valore delle Università, della cultura artistica ed enogastronomica del territorio, per questo siamo molto orgogliosi che l’edizione 2021 del Motor Valley Fest rientri nell’accordo per la valorizzazione del Made in Italy siglato con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e Agenzia ICE con la Regione Emilia-Romagna e Apt Servizi Emilia-Romagna”.

Da non perdere l’appuntamento con la “Race of Made in Italy” che vedrà, domenica 4 luglio alle ore 10.008 piloti tra i quali i due MotoGP Ducati “Pecco” Bagnaia ed Enea Bastianini, in una gara a inseguimento sull’ovale del Parco Novi Sad di Modena alla guida di due Lamborghini Challenge Huracàn Super Trofeo Evo 2. Prima della competizione i piloti faranno un giro di presentazione in sella alle Panigale V4, di cui una, quella che utilizzerà il Presidente dell’Associazione Motor Valley Development Claudio Domenicali per aprire il gruppo, avrà una grafica speciale tricolore, che arricchirà anche due auto Lamborghini Huracàn Evo, tributo al “Made In Italy” e realizzata da Aldo Drudi per l’occasione.

Una divertente attività dinamica per tutti gli appassionati delle due ruote saranno le sessioni di test ride al circuito di Modena, disponibili tutti i giorni dal 2 al 4 luglio, durante le quali sarà possibile provare la nuova Multistrada V4 S. Partendo dal circuito ci si sposterà su strada per apprezzare a pieno le qualità della moto in un percorso studiato ad hoc da un team di professionisti Ducati che seguiranno i rider. È possibile pre-iscriversi e prenotare un turno scrivendo a experience@ducati.com.

Nella splendida location di Piazza Grande sarà possibile scoprire dal vivo le ultime novità della gamma Ducati, come il nuovo Diavel 1260 S Black and Steel, la Multistrada V4, la Panigale V4 SP, il Monster Plus, l’Hypermotard SP e lo Scrambler® Desert Sled. Ci saranno anche le e-bike pieghevoli, i monopattini e gli accessori per la mobilità elettrica a marchio Ducati, Ducati Corse e Scrambler Ducati.

Nell’affascinante cortile dell’Accademia Militare, Ducati porta una selezione delle moto che compongono la mostra temporanea “Troy Story: the Legend of a Champion” dedicata a Troy Bayliss per celebrare il 20° anniversario del primo titolo mondiale vinto dal pilota australiano nel campionato Superbike nel 2001. Saranno presenti le tre moto con le quali Troy ha conquistato i suoi tre Titoli Mondiali SBK: la 996 Factory 2001 Testastretta, la 999 Factory 2006 “Superman” e la 1098 R Factory 2008.

Sempre all’Accademia Militare, nell’area espositiva dedicata ad Autopromotec e all’associazione Motor Valley Development, sarà possibile ammirare la scultura in marmo Acquabianca “Fortitudo mea levitate” (La mia forza è nella leggerezza) . Ispirata ai canoni estetici della Panigale, l’opera enfatizza il contrasto tra la leggerezza delle forme e il peso dei blocchi di marmo bianco di Carrara.

Ducati prende parte anche a diverse round table e speech nel corso dei quattro giorni. Giovedì 1 luglio, Davide Barana, Ducati Corse Technical Director, partecipa al convegno dedicato al mondo Racing mentre, nella giornata del 2 luglio, Patrizia Cianetti, Marketing and Communication Director Ducati, sarà protagonista di una round table a tema Social Changes: How Consumers Change.

Simone Di Piazza, Head of Innovation and R&D Services Ducati, terrà uno speech sul tema innovazione e incontrerà le start up nell’ambito del format “Innovation & Talents” dedicato ai talenti e all’innovazione. Il 3 luglio, Pierluigi Zampieri, R&D Vehicle Director, partecipa per Ducati al TEDxModena “Vision of Super”.

All’autodromo Riccardo Paletti di Varano de’ Melegari, tra le tante iniziative previste, nella giornata di sabato 3 luglio si terrà anche l’adrenalinica esibizione dello stuntman Ducati Emilio Zamora in sella alla sua Streetfighter V4.

Il programma completo del Motor Valley Fest e ulteriori informazioni sull’evento sono disponibili su Motorvalley.it/motorvalleyfest

Il Museo Ducati ha finalmente riaperto al pubblico nelle giornate di venerdì, sabato e domenica. A distanza di una settimana dalla ripresa delle visite in presenza, Ducati inaugura anche la mostra temporanea “Troy Story: the Legend of a Champion” dedicata a Troy Bayliss, tre volte campione del mondo in Superbike con Ducati.

È proprio per celebrare il 20° anniversario da quel primo titolo mondiale vinto nel campionato Superbike nel 2001, che Ducati ha allestito all’interno del Museo Ducati l’esposizione temporanea con contenuti inediti ed esclusivi per i suoi fan vicini e lontani.

La stessa data del 21 maggio, scelta per la riapertura del Museo Ducati, non è casuale. Come certamente ricordano i Ducatisti e gli appassionati di gare motociclistiche, il 21 maggio del 2000 Troy Bayliss, ancora poco conosciuto, compì l’impresa che lo fece entrare nel mito del motociclismo mondiale e nel cuore e nella memoria di tutti i tifosi di Ducati e della Superbike: il famoso quadruplo sorpasso sul circuito di Monza.

Quel giorno Troy partecipò alla gara in sostituzione di Carl Fogarty che si era infortunato a Philip Island e, dopo questa impresa epica, Ducati decise di fargli finire il campionato in sella alla 996R ufficiale. Quell’anno arrivò sesto (243 punti, 2 vittorie e 7 podi), ma si guadagnò il posto di pilota ufficiale nel team Ducati Infostrada. Il suo primo titolo lo vinse nel 2001, salendo sul podio ben 15 volte.

Tutti coloro che potranno visitare il Museo, avranno la possibilità di ammirare le moto con cui il campione ha firmato le più belle pagine della storia del motociclismo:

  • 996 Factory 2000, dal suo debutto nel Mondiale SBK e utilizzata a Monza nel famoso quadruplo sorpasso;
  • 996 Factory 2001 Testastretta, la moto del suo primo titolo mondiale con la livrea usata ad Imola nel 2001;
  • 998 Factory Testastretta 2002, protagonista del duello mozzafiato con Edwards sul tracciato del Santerno;
  • 999 Factory 2006 “Superman”, con la quale Troy conquistò la 250ma vittoria della Ducati in SBK ed il suo secondo titolo;
  • 999 Factory 2007, utilizzata nell’arrivo al fotofinish contro James Toseland ad Assen;
  • 1098 R Factory 2008, la moto del suo ultimo titolo conquistato a Magny Cours.

Per tutti coloro che non possono ancora venire al Museo Ducati, un approfondimento dedicato alla carriera di Troy Bayliss è previsto durante i “Museo Ducati Online Journey, i tour online del Museo Ducati che consentono di ripercorrere la storia dell’azienda da PC, tablet o Smart TV.

Da non perdere per tutti gli appassionati di storia e di competizioni gli approfondimenti su Troy Bayliss con Giovanni di Pillo sulla pagina Facebook ufficiale del Museo Ducati. Nei tre appuntamenti, il 4, l’11 e il 25 giugno, l’ex commentatore di Superbike racconterà in diretta aneddoti e pillole inedite sulla vita del campione Australiano. Al suo fianco ci sarà anche Julian Thomas, ex Press Manager di Ducati Corse e memoria storica degli anni vittoriosi di Troy.

La mostra temporanea “Troy Story: the Legend of a Champion” resterà al Museo Ducati fino al 19 settembre 2021, con l’unica eccezione dei giorni dal 1 al 4 luglio, quando le moto saranno esposte a Modena in occasione dell’edizione 2021 del Motor Valley Fest.

La temporanea in onore di Troy Bayliss vuole essere anche un augurio di pronta guarigione e un grande abbraccio virtuale al campione australiano dopo l’incidente in bicicletta avvenuto lo scorso 14 maggio.

Grande successo per Ducati che in collaborazione con il pilota e Youtuber Luca Salvadori ha portato una Panigale V4 S di serie, accessoriata solo con gruppo di scarico completo racing Ducati Performance, gomme slick Pirelli e pastiglie freno racing a trionfare nel round di Cremona del Trofeo MotoEstate, uno dei più conosciuti trofei amatoriali in Italia.

Nel corso del weekend del 29-30 maggio Salvadori ha conquistato anche la pole position facendo segnare il nuovo record del circuito (1’31’’945) e il miglior giro in gara, chiudendo un fine settimana perfetto. Il successo conquistato da Salvadori conferma una volta di più la bontà del progetto Panigale V4 e della sua qualità “pronto gara”. Luca ha corso con ABS attivo (la Panigale V4 è l’unica modo al mondo a disporre di un “cornering Only Front racing”) e sospensioni elettroniche, dimostrando che è possibile essere competitivi in questo tipo di competizioni con una moto di serie.

 A sei mesi dalla sua introduzione sul mercato, la famiglia Ducati Multistrada V4 ha raggiunto il traguardo dei 5.000 modelli venduti. La moto numero 5.000 è stata acquistata dal Ducatista tedesco Karl-Heinz Lebensieg, che ha ordinato una versione V4 S Sport in configurazione Full presso il dealer Ducati di Ingolstadt.

Per celebrare questa occasione il Sig. Lebensieg è stato invitato presso il concessionario di Ingolstadt da Ducati Motor Deutschland, dove ha ricevuto una riproduzione scultorea della Multistrada V4 insieme ad una lettera personale che certifica il numero di serie della moto.  

Presentata al mondo nel corso della Ducati World Première 2021, la Multistrada V4 è una moto in cui le prestazioni e la sportività Ducati si uniscono a un comfort di marcia senza precedenti e a una versatilità che le consente di essere efficace su tutte le strade e in tutte le condizioni di guida. Equipaggiata dal motore V4 Granturismo, la Multistrada V4 presenta intervalli di manutenzione da primato (controllo gioco valvole ogni 60.000 km), offre un sistema integrato di navigazione con mappe dedicate visualizzabili direttamente sull’ampio cruscotto ed è la prima moto al mondo dotata di radar anteriore e posteriore.

Per venire incontro alle differenti esigenze dei suoi clienti, Ducati ha realizzato diverse configurazioni per i modelli che compongono la famiglia Multistrada V4. Il configuratore online , disponibile sul sito Ducati.com, consente di esplorare queste possibilità e personalizzare la moto scegliendo i pacchetti di accessori e le variazioni estetiche più adatte alle proprie necessità, per poi inviare il modello ideale direttamente al dealer di fiducia.

Tutti i modelli della famiglia Multistrada sono ordinabili presso i concessionari della rete Ducati. La versione standard è proposta nella sportiva colorazione Rosso Ducati, mentre il modello V4 S è presente, oltre che in rosso, anche nella colorazione Aviator Grey, e può essere richiesto con uno dei pacchetti di configurazione disponibili (Essential, Travel, Radar, Performance, Full), sia con i cerchi in lega che con i cerchi a raggi. La terza versione della gamma è la Multistrada V4 S Sport, che offre una livrea dedicata particolarmente grintosa e il pacchetto Performance di serie con scarico Akrapovič e parafango anteriore in carbonio.

Troy Bayliss, tre volte campione del mondo Superbike, è stato vittima di un incidente in bicicletta lo scorso venerdì, 14 maggio, che gli ha provocato una frattura della vertebra C4 con interessamento midollare che costringerà la leggenda Ducati, 52 anni, a restare a riposo per alcuni mesi.

Troy, che non ha nessun ricordo della dinamica dell’incidente, sembra essersi scontrato con un’altra bicicletta che proveniva tra due auto parcheggiate. Il campione australiano nell’impatto ha battuto violentemente la testa ed ha perso conoscenza. Bayliss è stato immediatamente soccorso e portato in ospedale.

Nonostante la gravità delle lesioni riportate, le sue condizioni sono stabili e ieri Troy è potuto rientrare nella sua casa sulla Gold Coast, per iniziare la convalescenza.

Troy Bayliss:
“Sto abbastanza bene e sono già a casa, ma a causa dell’incidente non potrò tornare in moto fino a quando non avrò riacquistato piena mobilità di braccia e mani. Ho voluto far sapere cosa mi è successo per dire che sto bene e che tornerò in pista quanto prima. È stato un fine settimana molto intenso sia per me che per la mia famiglia, ma fortunatamente mi riprenderò. I medici sono molto ottimisti, ma non c’è un’indicazione precisa su quanto tempo ci vorrà prima che io possa tornare di nuovo in moto. Forse sarà una questione di qualche mese, o forse ci vorrà di più. Tutto dipenderà da come proseguirà la guarigione una volta che la vertebra si sarà saldata”.