Archivio per la categoria ‘Gresini Racing’

Solo un tocco in partenza con Bezzecchi e Martin toglie la gioia del podio (e chissà se qualcos’altro) ad Enea Bastianini, sicuramente il pilota più in forma di questo primo round al rientro dalla pausa estiva.
 
Ben sei sorpassi nella seconda parte di gara per il numero 23 che ha fatto rivedere forma fisica e mentale delle grandi gare di questa stagione. Enea ha recuperato dall’11ª posizione alla 5ª in poco meno di 8 giri, mettendosi alle spalle nell’ordine Binder, Oliveira, Mir, Aleix Espargaro, Quartararo e infine Martin. 
 
13 punti che permettono all’italiano del Team Gresini MotoGP di ritrovare la 4ª posizione in classifica generale (a -62 dalla vetta di Quartararo) con la top3 ad appena 13 lunghezze.
 
Gara da dimenticare dall’altra parte del box dove Fabio Di Giannantonio, ieri 15º in classifica, non ha trovato il feeling adeguato nel warm-up, chiudendo addirittura 22º in gara.

4º – ENEA BASTIANINI #23 (Best Independent Rider) 
“All’inizio non è stato semplice capire come guidare senza un’ala, poi da metà gara in poi sono riuscito a fare una gran gara. La quarta posizione va sicuramente bene, ma arrivare così vicini al podio e non acciuffarlo lascia uno strano sapore in bocca. Abbiamo fatto una bella rimonta, e poco importa chi ho superato, era importante arrivare il più avanti possibile e ci siamo riusciti. Siamo un pokemon evoluto ora e sono sicuro che tra un po’ ci seguiranno anche gli altri”.
 
22º – FABIO DI GIANNANTONIO #49
“Gara decisamente da dimenticare: oggi abbiamo puntato sul nero ed è uscito il rosso. Abbiamo faticato tutto il fine settimane per trovare grip sul posteriore e anche nel warm-up non è andata come speravamo. Poi in griglia abbiamo optato per la gomma dura e anche quella non è stata una scelta felice. Meglio cancellare velocemente e pensare all’Austria”.

Non è stato un sabato particolarmente brillante per il Team Gresini MotoGP che trova però due risultati solidi sia con Enea Bastianini che con Fabio Di Giannantonio. Entrambi costretti al passaggio dalla Q1 al termine della classifica combinata delle libere, chiudono rispettivamente in 8ª e 15ª posizione il proprio sabato britannico.
 
Fabio Di Giannantonio sbaglia qualcosa nell’ultimo settore del suo penultimo giro lanciato rovinando indirettamente l’ultimo tentativo. Se sul passo gara c’è ancora da lavorare, sul giro lanciato avrebbe potuto avere un sapore diverso con l’ultima chance non sfruttata. Domani il 49 chiuderà la 5ª fila, obiettivo altri punti importanti.
 
Molto bene Enea Bastianini il cui 8º posto a 339 millesimi dalla pole position di Zarco ha un sapore decisamente dolce. Domani l’italiano si giocherà le posizioni di alta classifica a partire dalle 13:00 ora di Londra.

8º – ENEA BASTIANINI #23 (1’58.106s)
“Abbiamo faticato questa mattina, sia a livello di passo che di time attack. Ci siamo andati vicini, ma non siamo passati in Q2…nel pomeriggio abbiamo fatto un bello step a tutti i livelli e abbiamo ritrovato velocità. Ad ogni sessione recuperiamo fiducia sulla moto e in questo momento con la gomma morbida mi trovo molto bene. Con le gomme più dure faccio più fatica e sarà una chiave importante la scelta corretta”.
 
15º – FABIO DI GIANNANTONIO #49 (1’58.948s)
“In tutto il fine settimana non siamo stati dei fulmini, ma oggi avremmo sicuramente potuto aspirare a qualcosa di più e probabilmente alla Q2. Ho fatto un errore nell’ultimo settore che non mi ha permesso di lanciarmi a dovere per l’ultimo tentativo e questo mi lascia il dubbio sulle nostre reali potenzialità. Dobbiamo lavorare sul passo gara, stiamo migliorando ma col warm-up possiamo fare lo step mentre la scelta gomme è ancora un gran punto interrogativo”.

È ufficialmente iniziata una lunghissima seconda parte di stagione con le prime prove libere del #BritishGP sul tracciato di Silverstone. Tanta voglia di tornare sulle proprie Desmosedici per Enea Bastianini e Fabio Di Giannantonio che hanno sfruttato le fp1 per ritrovare gli automatismi con le frecce azzurre numero 23 e 49.
 
Per Enea Bastianini 8º tempo finale a 4 decimi dalla pole provvisoria di Quartararo e anche qualche prova di aerodinamica con un nuovo codone “a pinne” che ha destato prime valutazioni positive. Fabio Di Giannantonio ha faticato più del dovuto nel suo “back to school” chiudendo con il 17º tempo assoluto a sei decimi dal compagno di squadra e dalla top10 che domani varrà l’accesso diretto alla Q2

8º – ENEA BASTIANINI (1’59.358s)
“Tornare in sella è stata una grande emozione oggi, avevo una gran voglia e come primo giorno non mi posso lamentare. La prima sessione è servita proprio per togliere la ruggine, ma nel complesso poi siamo andati molto bene, soprattutto con il time attack del pomeriggio. C’è ancora tanto su cui lavorare, ma la base da cui siamo ripartiti è già meglio rispetto a come abbiamo chiuso la prima parte di stagione. La nuova soluzione aerodinamica poi sembrerebbe dare una mano in frenata, anche se dobbiamo analizzare bene i dati prima di trarre conclusioni”.
 
17º – FABIO DI GIANNANTONIO (1’59.986s)
“Onestamente mi aspettavo di ripartire meglio, invece questa mattina ho fatto davvero molta fatica a ritrovare il feeling sulla moto. Abbiamo lavorato tanto e bene in questo venerdì, ma siamo lontani da dove vorremmo essere, specie con la gomma media. Sul time-attack abbiamo fatto vedere buone cose, ma c’è da migliorare un po’ ovunque con un occhio particolare al secondo settore”.

Una pausa estiva tra le più lunghe mai viste nel Campionato del Mondo MotoGP. Cinque settimane di stop che hanno permesso al Team Gresini MotoGP di riposare, ricaricare e ripartire con slancio in vista di una seconda parte di stagione molto impegnativa. Si riparte da Silverstone, prima tappa delle nove rimaste sul calendario.
 
Il tracciato inglese, tra i più lunghi e complessi del calendario, è apprezzatissimo da entrambi gli alfieri Gresini Enea Bastianini e Fabio Di Giannantonio. Per il numero 23 addirittura un podio all’esordio (nel lontano 2014 – classe Moto3), mentre il 49, in 4 apparizioni tra Moto3 e Moto2, ha sempre centrato almeno la top10 (5º posto lo scorso anno come miglior risultato).
 
CORSE E RICORSI STORICI: La Gresini Racing ha saggiato il podio inglese di Donington Park in varie occasioni all’inizio degli anni 2000, grazie ai soliti Gibernau e Melandri. A Silverstone il miglior risultato nella classe regina rimane il primo podio Aprilia Team Gresini firmato da Aleix Espargaró lo scorso anno.

ENEA BASTIANINI #23 (5º nel mondiale – 105 punti)
“Finalmente si riparte. La pausa è stata molto utile per resettare e mettere a fuoco gli errori commessi nella prima parte di stagione. Silverstone mi piace molto e dove voglio assolutamente ottenere un buon risultato per tornare ai nostri livelli. Siamo stati troppo altalenanti fino ad ora, e in questa seconda parte vogliamo essere più costanti”.
 
FABIO DI GIANNANTONIO #49 (20º nel mondiale – 18 punti)
“Silverstone è una pista pazzesca. A me piacciono praticamente tutte, ma questa è davvero fantastica. Arriviamo dopo una buona pausa che ci è servita a ricaricare le batterie tra vacanza, allenamenti e wdw. Siamo sicuramente pronti: la speranza è ripartire da dove abbiamo lasciato e continuare a costruire per tutta la seconda parte di stagione”

Gran Premio anonimo per il Team Gresini MotoGP che rimane, per una volta, ai margini della bagarre con Enea Bastianini e Fabio Di Giannantonio lontani dalle primissime posizioni.
 
Per entrambi però sono punti importanti: da una parte il #23 che trova un’altra bandiera a scacchi (11º sul traguardo) dopo quella di Germania una settimana fa, dall’altra il #49 che conquista ancora la zona punti: è la quarta nelle ultime cinque gare.
 
Con Silverstone lontana oltre un mese, ora è tempo di qualche giorno di relax per i piloti del team Gresini che saranno comunque in pista già questo martedì a Misano per due giorni di test con la Panigale prima di ritrovarsi insieme ai compagni di Ducati al WDW del 22-23-24 di luglio.

11º – ENEA BASTIANINI #23 (5º in classifica generale – 105 punti)
“Gran premio difficile con tanti alti e bassi. È un peccato perché sia in fp4 che questa mattina mi sentivo molto bene, invece in gara verso destra qualcosa non funzionava. È un periodo un po’ così, ma prendiamoci questi punti e pensiamo positivo. Adesso ci prendiamo questa pausa per resettare e tornare a Silverstone con tutt’altro piglio: vogliamo tornare protagonisti e sono sicuro che già in Inghilterra ci saremo”.
 
14º – FABIO DI GIANNANTONIO #49 (20º in classifica generale – 18 punti)
“Vedo tantissimi lati positivi oggi. Intanto in un fine settimana no siamo comunque entrati a punti e poi devo dire che oggi in gara il feeling con la moto era decisamente meglio rispetto a ieri. Stavo bene e credo che avremmo potuto chiudere tra l’8ª e l’11ª posizione, purtroppo però da metà gara in poi una vibrazione forte sull’anteriore ci ha limitato tantissimo”

Arriva finalmente la prima ufficialità per il 2023: il Team Gresini MotoGP ha scelto Alex Marquez per sostituire Enea Bastianini destinato a correre con una moto factory a partire dalla prossima stagione. La squadra faentina torna a puntare sulla Spagna, fucina di talenti e con una enorme tradizione con la Gresini Racing: da Gibernau a Martin, passando per Toni Elias, Alvaro Bautista, e perché no, anche quell’Emilio Alzamora ora manager proprio del #73.
 
Nativo di Cervera, Alex Marquez vanta un curriculum top: Campione del Mondo Moto3 e Moto2 rispettivamente nel 2014 e 2019, 40 podi all’attivo di cui 12 vittorie in carriera e già due secondi posti nella classe regina datati 2020. Per l’esperto 26enne sarà la quarta stagione in MotoGP, la prima in sella ad una Desmosedici dopo una carriera targata praticamente solo Honda. 
 
Al suo fianco confermatissimo Fabio Di Giannantonio, attualmente nella sua stagione d’esordio nella massima serie e già assolutamente competitivo. Il numero #49, pilota storico GR nonostante la giovane età, è tra i contender per il titolo di rookie 2022. Per lui una pole position all’attivo e un’ottava posizione come miglior piazzamento

#73 – ALEX MARQUEZ 
“Sono molto felice di poter annunciare il mio passaggio al Team Gresini MotoGP e molto emozionato per questa nuova avventura: per me era fondamentale cambiare e tornare ad avere quella motivazione che avevo quando sono approdato in questa categoria. La miglior opzione per me era questa squadra che ha fatto la storia di questo campionato. Voglio ringraziare Nadia, Carlo e tutto lo staff della GR che hanno voluto credere in me. Adesso mi rimane metà stagione per dare il massimo prima di iniziare un 2023 con le motivazioni al massimo”.
 
#49 – FABIO DI GIANNANTONIO
“Molto felice di rinnovare con questo team che sento come una famiglia. Bello perché continuiamo questo percorso di crescita e avremo modo di farlo con la Ducati e anche di questo sono molto felice. La continuità è fondamentale in MotoGP per poter lavorare su me stesso. Lavoravamo da un po’ a questo rinnovo e finalmente possiamo dirlo. Ovviamente gli obiettivi salgono di livello: useremo questa seconda parte di stagione per trovare sempre più risultati e poi per il prossimo anno vogliamo guardare davvero avanti”.
 
NADIA PADOVANI GRESINI – TEAM OWNER
“Sono molto felice di questo nuovo progetto. Intanto confermiamo il nostro rider Fabio Di Giannantonio. Quest’anno ha già dato dimostrazione del suo talento, crescendo gara dopo gara, e sono sicura che sarà sempre più competitivo. Al suo fianco cercavamo un pilota un po’ più esperto e credo che Alex Marquez sia la figura perfetta per la nostra squadra. Il suo curriculum parla per lui, pensiamo abbia un gran potenziale e che la Desmosedici possa essere la giusta compagna d’avventura. Benvenuto in famiglia Alex!”

Dopo un giovedì da estate piena, ecco quella tipica olandese con una prima giornata di prove libere caratterizzata da pioggia battente e temperature fresche. La più classica delle giornate di studio per il Team Gresini MotoGP che non correva in queste condizioni praticamente dall’Indonesia, qualche mese fa.
 
Non è sicuramente il miglior venerdì di Enea Bastianini, protagonista sfortunato di una caduta importante questa mattina sul rettilineo di Assen dove l’italiano, perso il controllo della sua Desmosedici numero 23, finisce catapultato nella via di fuga, fortunatamente senza riportare conseguenze. Chiude la sua giornata in netto recupero, con tanti giri in una fp2 con pista in deciso miglioramento e un crono finale di 1’34.316, che gli vale l’11ª posizione.
 
Più costante il day1 di Fabio Di Giannantonio, che ha lavorato come da programma oggi senza intoppi, trovando buone sensazioni più sul bagnato delle fp1 che sul “semi-asciutto” del pomeriggio. Il suo 20º tempo finale non preoccupa con la Q2 attualmente lontana poco più di mezzo secondo.
 
Le fp3 domani, fondamentali per l’accesso diretto in Q2, dovrebbero essere con pista asciutta. Dita incrociate.

11º – ENEA BASTIANINI #23 (1’34.316s)
“Questa mattina siam partiti bene poi la caduta ha un po’ complicato le cose. Nel pomeriggio con la pista in asciugamento ho fatto bene…Negli ultimi due giri lanciati ho perso tanti decimi per colpa di un pilota lento in traiettoria, ma va bene così. Domani dovrebbe essere asciutto in mattinata e oggi il feeling con la moto era buono. Siamo positivi”.
 
20º – FABIO DI GIANNANTONIO #49 (1’34.902s)
“Questa mattina sull’acqua mi sono divertito molto e con un gran feeling. Nel pomeriggio nelle condizioni miste o quasi asciutte ho avuto bisogno di qualche minuto in più per capire le linee. In fondo erano i primi giri sull’asciutto qui ad Assen con una MotoGP, ma sono molto fiducioso per domani. Sicuramente dobbiamo lavorare per trovare maggior grip sul posteriore”.

Obiettivo dichiarato top10, risultato finale top8. Cresce a passi da gigante la stagione di Fabio Di Giannantonio che, dopo aver confermato le proprie doti sul giro secco nelle ultime uscite di sabato, trova un ottimo risultato anche in gara con il sesto posto al Sachsenring.
 
Buonissima partenza, bel passo, grande condizione fisica nonostante l’allergia, il numero #49 ha dimostrato di poter stare nei piani alti e, nemmeno a metà stagione, si riporta nella lotta per il rookie 2022, con Bezzecchi ora a 19 punti.
 
Prova importante anche per Enea Bastianini. Lui sì abituato ai piani altissimi, deve accontentarsi di una top10, ma si tratta di un ottimo risultato da cui ripartire considerando le ultime due cadute di Mugello e Montmeló. Il numero 23 perde una posizione in generale, scavalcato da Zarco. Ora è quarto con 100 punti.

8º – FABIO DI GIANNANTONIO #49 (20º in classifica generale – 16 punti)
“Abbiamo fatto un super weekend, sempre veloci e con un gran tempo in qualifica. Per la gara infatti mi sentivo bene. Sono partito forte e nella prima parte di gara ero in controllo; nella seconda parte però il caldo e le gomme che si muovevano tanto mi hanno fatto perdere qualche duello. C’è da dire che è la prima gara in cui riesco a rispondere agli attacchi e quindi saluto la Germania con sensazioni davvero importanti”.
 
10º – ENEA BASTIANINI #23 (4º in classifica generale – 100 punti)
“Contento a metà, non ho fatto una gran partenza con la moto che si è impennata. Ho perso tante posizioni, ma poco a poco sono riuscito a recuperare. Volevo assolutamente portarla a casa e la decima posizione va bene per ritrovare fiducia. È una domenica positiva senza dubbio, soprattutto se consideriamo l’assenza di Alberto e la qualifica sfortunata di ieri. Era un fine settimana difficile su cui abbiamo comunque costruito un buon risultato”.

Fabio Di Giannantonio è di nuovo il protagonista che non ti aspetti (ma che inizi ad aspettarti sempre di più) con un altro sabato superlativo sul tracciato tedesco del Sachsenring. Il numero 49, ieri già veloce, oggi domina le Q1 e poi si gioca bene le proprie carte in Q2 sfiorando in varie occasioni la prima fila e chiudendo con il 5º tempo assoluto e terza Ducati classificata dietro a Bagnaia e Zarco. Il rookie del Team Gresini MotoGP firma così la sua seconda miglior qualifica bissando Montmelò.
 
Continua invece il fine settimana “storto” per Enea Bastianini, mai davvero veloce su questo tracciato tedesco (non tra i preferiti per altro). I problemi di ieri nel secondo e terzo settore e soprattutto la mancanza di feeling con l’anteriore, sono ancora presenti in questa seconda giornata. 
 
Piccolo giallo nel finale di Q1 con Enea che avrebbe preso bandiera a scacchi per 0.1s, “perdendo” il miglior giro lanciato del suo sabato… A questo punto warm up fondamentale e poi una gara davvero in salita per il numero 23, alla seconda peggior qualifica in questo 2022 (18º in Portogallo).

5º – FABIO DI GIANNANTONIO #49 (1’20.128s)
“Devo dire che sto soffrendo parecchio l’aria tedesca: ho scoperto di soffrire d’allergia… questa mattina ho faticato tanto in fp3, ma più per la condizione fisica che per altro. La moto va bene e mi ci ritrovo sempre di più ad ogni uscita. In qualifica siamo andati fortissimo, e forse potevamo giocarci la pole position se non fosse stato per un errore alla curva 1. Bello però essere lì davanti, speriamo che domani in gara l’allergia non sia un problema”.
 
17º – ENEA BASTIANINI #23 (1’20.905s)
“Non sono contento, ovviamente. Abbiamo sentito abbastanza la mancanza di Alberto (Giribuola), non cerco scuse, ma è un dato di fatto. Poi siamo stati anche sfortunati, con quella bandiera a scacchi al limite in Q1. Dobbiamo semplicemente lavorare, domani sarà una gara complicata, ma l’obiettivo è finire la gara per ritrovare fiducia e possibilmente non perdere troppi punti”.

Nella prima giornata di prove del Round 10 ecco l’ennesima conferma di Fabio Di Giannantonio, ormai stabilmente in top10 almeno per quanto riguarda il giro secco. Il rookie di categoria anche oggi è stato subito molto affiatato con la sua Desmosedici e performante tanto da chiudere con il nono tempo assoluto (1’20.545).
 
Senza il suo ingegnere di pista Giribuola, rimasto precauzionalmente a casa per positività al Covid, Enea Bastianini ha fatto leggermente più fatica rispetto al compagno di box. Per il pilota del Team Gresini MotoGP nulla è perduto con la fp3 di domani decisiva per evitare un passaggio dalla Q1. Da recuperare ci sono una manciata di millesimi per essere di nuovo tra i protagonisti.

9º – FABIO DI GIANNANTONIO #49 (1’20.545s)
“Ripartiamo da Barcellona: pochissimi cambi sulla moto e un buon feeling il che è super positivo. Diciamo che siamo sulla buona strada, ci manca qualcosina sul davanti in particolare in alcune curve come la 3, e abbiamo in mente delle modifiche per fare uno step domattina. L’obiettivo è passare in Q2 anche qui”.
 
13º – ENEA BASTIANINI #23 (1’20.747s)
“Abbiamo faticato un po’, anche lo scorso anno qui non era stato facile. Sappiamo dove lavorare per essere più competitivi e credo che domani saremmo della partita. Ci manca qualcosa nel secondo e terzo settore. Dalla curva 6 alla curva 8 non mi sento bene, mi manca feeling sull’anteriore e di conseguenza la percorrenza viene un po’ a mancare”.