Archivio per la categoria ‘Motomondiale’

Si chiude una due giorni importante per il Team Gresini MotoGP che sul tracciato del 14º round del Campionato del Mondo ha lavorato a pieno regime con l’obiettivo di preparare al meglio un’ultima parte di stagione che si preannuncia davvero impegnativa. 
 
Già velocissimo durante il fine settimana di gara, Enea Bastianini non è stato da meno in questi ultimi test ufficiali 2022. L’italiano, secondo al fotofinish domenica, ha lavorato con la squadra su alcuni dettagli in vista delle ultime gare registrando tempi (4º assoluto) e passo ottimi. Per il #23 c’è stato tempo di provare una gomma anteriore sperimentale di Michelin che potrebbe essere usata dalla prossima stagione.
 
Fabio Di Giannantonio ha lavorato sull’assetto della moto trovando buonissime sensazioni con la sua DesmosediciGP21, in particolare con la pista ad alte temperature. Tanti giri e fiducia in crescita per il #49 che ha chiuso con il 10º tempo overall.

ENEA BASTIANINI #23 (1’31.260)
“È stato un test positivo. Abbiamo fatto tanti giri, siamo stati veloci e abbiamo anche provato qualcosa a livello di setup che ha migliorato le mie sensazioni. Ieri ho fatto il mio best con 27 giri di gomma quindi le sensazioni sono più che positive. Non abbiamo fatto passi avanti enormi, ma eravamo già molto veloci e abbiamo solo limato qualche dettaglio. Lasciamo Misano con grandi aspettative per le ultime gare dell’anno”.
 
FABIO DI GIANNANTONIO #49 (1’31.605)
“È stato un test davvero positivo. In realtà non mi aspettavo granché perché non avevamo parti nuove da provare, ma abbiamo trovato delle linee di setup che ci sono piaciute e mi sono trovato molto bene con la moto. Abbiamo raccolto tanti dati senza fare run troppo lunghi e siamo contenti. È vero che questo tracciato era perfetto e ci sarà da provare queste soluzioni in altre piste/condizioni. Ora pensiamo a riposare un po’ prima della trio…”

Si sono concluse questo pomeriggio le due giornate di test collettivi post-gara sul Misano World Circuit Marco Simoncelli, teatro la scorsa domenica del GP di San Marino e della Riviera di Rimini. Per i piloti del Ducati Lenovo Team è stata un’occasione per lavorare sulle loro Desmosedici GP prima di affrontare il finale di stagione, ma anche un’opportunità per iniziare a testare le ultime novità in vista del prossimo anno.

Francesco Bagnaia, fresco vincitore del Gran Premio di casa a Misano, è stato uno dei primi a scendere in pista nella prima giornata di martedì, nella quale ha utilizzato tutti i turni a disposizione per portare a termine il fitto programma di prove. Nella giornata di oggi, Pecco ha invece preso parte solo al turno del mattino. Con ben 131 giri completati, Bagnaia ha chiuso il test in seconda posizione in 1:31.172.

Anche Jack Miller ha sfruttato quasi tutta la prima giornata e la mattina del secondo giorno, prima che entrambe le sue ultime sessioni venissero interrotte a pochi minuti dal termine da una scivolata. Durante il test, Miller si è concentrato principalmente sulla prova di diverse configurazioni di setup, completando in totale 86 giri e firmando il diciottesimo tempo complessivo in 1:31.927.

Francesco Bagnaia (#63 Ducati Lenovo Team) – (1:31.172 – 131 giri)
“Sono state due giornate di test molto produttive: abbiamo provato diverse novità e gli ingegneri di Ducati ora hanno un’idea più chiara su quale direzione prendere per proseguire il lavoro di sviluppo della moto del prossimo anno. In questi due giorni ci siamo focalizzati principalmente sulla nostra velocità in percorrenza di curva e, in generale, ogni prova ha dato riscontro positivo e il feeling con la moto è stato ottimo, come dimostrato dal mio passo costante e competitivo con gomme usate. Sono soddisfatto del lavoro portato a termine in questi due giorni e non vedo l’ora di tornare in pista la prossima settimana in Spagna”.

Jack Miller (#63 Ducati Lenovo Team) – (1:31.927 – 86 giri)
“La caduta di questa mattina alla Curva 4 è stata molto simile a quella che ho sofferto in gara e ora avremo qualche dato in più da analizzare per capire cosa sia successo esattamente, visto che in quel momento avevo la sensazione di aver ripetuto le stesse manovre del giro precedente. In ogni caso, sia ieri che oggi abbiamo lavorato su diverse configurazioni di setup, ma non abbiamo provato nuovi componenti. Ora analizzeremo le informazioni raccolte in questi due giorni per provare a migliorare ancora la moto in vista della prossima gara in programma ad Aragón”.

Il Ducati Lenovo Team tornerà in azione dall’16 al 18 settembre ottobre per il quindicesimo appuntamento del Campionato Mondiale MotoGP 2022, Il GP di Aragón, in programma sul MotorLand Aragón di Alcañiz, in Spagna.  

Il Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini, andato in scena questo pomeriggio sul Misano World Circuit Marco Simoncelli, si è concluso con un’altra emozionante vittoria di Pecco Bagnaia, che centra il suo decimo successo in MotoGP e il sesto in questa stagione. Per il pilota italiano si è trattato inoltre della quarta vittoria consecutiva quest’anno, un traguardo che gli permette di entrare di diritto nella storia Ducati, essendo il primo pilota della casa bolognese a riuscire in questa impresa in MotoGP.

Partito dalla quinta casella in griglia, Bagnaia ha fatto un’ottima partenza che gli ha permesso di portarsi subito nei primi posti, per poi passare al comando dopo due giri, marcato stretto da Maverick Viñales. Verso metà gara, il pilota spagnolo è stato poi superato da Enea Bastianini (Gresini Racing), che ha ridotto il distacco da Bagnaia in poco tempo, arrivando a tagliare il traguardo a soli 34 millesimi dal compagno di marca. Grazie alla vittoria di oggi, Pecco sale al secondo posto nella classifica generale, a 30 punti da Quartararo.

Gara sfortunata invece per il compagno di squadra Jack Miller. Partito dalla pole position, il pilota australiano era riuscito a mantenersi al comando dopo il via, ma nel corso del secondo giro è stato vittima di una scivolata. Miller è riuscito comunque a ripartire e a chiudere la gara al diciottesimo posto. Dopo il quattordicesimo round della stagione, Jack è sesto in classifica, mentre Ducati e il Ducati Lenovo Team mantengono la leadership sia del Campionato Costruttori che della classifica riservata alle squadre.

Francesco Bagnaia (#63 Ducati Lenovo Team) – 1°
“Oggi è stata una gara veramente durissima. Nei primi giri non avevo aderenza sia all’anteriore che al posteriore e avevo paura a forzare: sentivo Maverick vicinissimo e potevo solo staccar forte per cercare metterlo in difficoltà ed evitare che mi sorpassasse. Quando il peso nel serbatoio è diminuito, il grip è migliorato e ho potuto aumentare il ritmo e spingere fino alla fine. Ora siamo a 30 punti da Quartararo, ma la lotta per il Campionato resta difficilissima e non possiamo permetterci alcun errore. Dobbiamo solo rimanere concentrati e pensare gara per gara”.

Jack Miller (#43 Ducati Lenovo Team) – 18°
“Dopo essere riuscito a prendere il comando ho iniziato a spingere per cercare di creare un po’ di margine rispetto al resto del gruppo, ma al secondo giro sono andato un po’ più largo, finendo sul cordolo e sono scivolato. è un peccato, ma sono cose che succedono in gara. Cerco di guardare il lato positivo di questo fine settimana: siamo stati sempre competitivi e il mio feeling con la moto continua ad essere incredibile, perciò non vedo l’ora di tornare in pista ad Aragon per riprovarci”.

Luigi Dall’Igna (Direttore Generale di Ducati Corse)
“Ancora una volta Pecco è stato autore di una bellissima gara: ha saputo tenere testa ai suoi avversari e a non commettere errori, centrando la sua quarta vittoria consecutiva con Ducati in MotoGP, un risultato che nessun altro pilota era riuscito ad ottenere finora.. Anche Enea è stato molto bravo, chiudendo vicinissimo a Pecco e ancora una volta è bello vedere le nostre moto prima e seconda sul podio. Mi spiace molto per Jack, che avrebbe potuto a fare altrettanto bene oggi, ma sono sicuro che saprà rifarsi nelle prossime gare vista l’ottima forma in cui si trova in questo periodo. Ringrazio tutte le ragazze e i ragazzi di Ducati Corse che hanno reso possibile questo risultato e soprattutto tutti i Ducatisti che sono venuti numerosi a fare il tifo per noi a Misano”.

I piloti del Ducati Lenovo Team resteranno a Misano per affrontare martedì e mercoledì due giornate di test ufficiali post-gara, prima di ritornare in azione per il quindicesimo appuntamento della stagione 2022, il Gran Premio di Aragón, al MotorLand Aragon di Alcañiz (Spagna) dal 16 al 18 settembre.

Una prestazione maiuscola e un finale spettacolare al fotofinish per Enea Bastianini che fino all’ultimo centimetro si gioca la vittoria con quello che sarà il suo compagno di squadra a partire dalla prossima stagione Pecco Bagnaia.
 
Una gara complicata soprattutto all’inizio che Bastianini ha saputo gestire fino ai giri decisivi quando ha ritrovato feeling e passo per lottare ad armi pari con la Ducati ufficiale numero 63. Doppio salto in classifica per la Bestia che dalla sesta passa alla quarta posizione con 138 punti.
 
Gara tutta in salita per Fabio Di Giannantonio che dopo l’incidente con Franky Morbidelli è bravo a completare comunque il GP raccogliendo sensazioni e dati importanti in vista del finire di stagione.

2º – ENEA BASTIANINI #23
“Avevo un feeling strano all’inizio con le gomme che non erano perfettamente in temperatura. Dalla seconda parte di gara in poi ho ritrovato le sensazioni giuste. Ci ho provato fino all’ultimo, prima alla 14 e poi all’ultima curva. Volevo vincere ma ho fatto un errore prima e poi sul traguardo Pecco ha chiuso la porta e non c’è stato nulla da fare. È bello salire sul podio con questa livrea e in questo circuito così speciale per me”.
 
20º – FABIO DI GIANNANTONIO #49
“È un peccato aver rovinato subito la gara. Ho spinto troppo alla 4 per fare un sorpasso e sono scivolato… Abbiamo fatto il possibile per tagliare il traguardo e onorare questi colori e questo tracciato. Ovviamente cercavamo tutt’altro risultato, avevamo un gran passo e potevamo stare in top10, adesso proveremo a sfruttare i test per arrivare ad Aragon con migliori sensazioni”.

Una domenica sfortunata per Michele Pirro nel Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini. Il pilota del team Aruba.it Racing è protagonista di una convincente partenza ma dopo aver recuperato sei posizioni nei primi metri viene coinvolto in un incidente alla prima curva ed è costretto al ritiro.

Si è conclusa oggi la campagna MotoGP 2022 per Aruba.it Racing, avventura nata nell’ambito del rinnovo della collaborazione con Ducati che il team rappresenta nel campionato del mondo Superbike dal 2015. Un connubio che si estenderà almeno fino alla stagione 2024.  
Il team Aruba.it Racing – Ducati è già pronto per mettersi in viaggio verso la Francia dove nel prossimo weekend, sul circuito di Magny Cours, andrà in scena la settima tappa della stagione 2022 di WorldSBK.

Michele Pirro (Aruba.it Racing #51)
“C’è poco da dire. Mi sono trovato in terra alla prima curva dopo un contatto con Zarco. Sono dispiaciuto perché ero partito bene e non mi sarei mai immaginato di finire una gara di 27 giri dopo pochi metri. Ma queste sono le gare e la cosa importante è che Pecco abbia vinto riaprendo definitivamente la corsa per il mondiale. Ci tenevo molto a finire in modo diverso anche perché ero convinto di poter prendere qualche punto. Ringrazio Stefano Cecconi, Serafino Foti e tutto il team Aruba.it Racing per il supporto con la convinzione di poter fare meglio nel 2023”

Il Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini non regala particolari soddisfazioni al team Prima Pramac Racing. La partenza di Johann Zarco dalla sesta posizione non è delle migliori e alla prima curva il pilota francese subisce un contatto da Binder (KTM) e cade coinvolgendo nel crash altri due piloti. Dopo la difficile qualifica del sabato (P13) Martin recupera subito 6 posizioni e al sesto giro prova ad attaccare Espargaro per la sesta posizione. Il passo gara del pilota di Prima Pramac Racing però non è incisivo e non gli consente di difendersi dall’attacco di Rins chiudendo quindi in nona posizione

Johann Zarco

Mi dispiace perchè la mia gara non è praticamente nemmeno iniziata, sono stato toccato e sono caduto, mi dispiace perchè purtroppo dopo fatto cadere anche Pirro e Espargarò. È meglio girare pagina e ripartire da zero  martedí per i test.

Jorge Martín

Non il risultato che speravo, non avevo il passo per poter puntare a posizioni più importanti. Martedí ci rimetteremo al lavoro per capire dove poter migliorare e arrivare con una spinta in più ad Aragon.

Jack Miller partirà davanti a tutti nel Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini in programma domani pomeriggio sul Misano World Circuit Marco Simoncelli. Il pilota del Ducati Lenovo Team, che in più occasioni aveva già sfiorato la prima posizione in qualifica quest’anno, è finalmente riuscito a centrare la pole firmando un giro veloce in 1:31.899.

Dopo aver ottenuto il primo tempo al termine della FP3, Miller ha continuato ad essere veloce e competitivo anche in Q2 nonostante il meteo incerto. Con la leggera pioggia iniziata a cadere poco prima delle qualifiche, il pilota australiano è uscito prima con le “rain”, ma è poi rientrato subito per passare alla seconda moto in configurazione da asciutto. Giro dopo giro, Jack ha continuato a migliorare il suo ritmo con le gomme slick, riuscendo infine ad assicurarsi la pole. Per Miller si tratta della seconda pole position in MotoGP, dopo quella ottenuta in Argentina, sul bagnato, nel 2018.

Alle sue spalle, a soli 15 millesimi, troviamo il compagno di squadra Pecco Bagnaia, anche lui velocissimo durante tutta la giornata. Il pilota italiano sarà però costretto a partire dalla quinta posizione in griglia, in seconda fila, a causa della penalità ricevuta ieri.

Sono state quattro le Desmosedici GP nelle prime posizioni in qualifica oggi. Enea Bastianini ha infatti ottenuto il terzo tempo con la Desmosedici GP del team Gresini Racing, mentre Marco Bezzecchi (VR46 Racing Team) ha ottenuto il quarto tempo dopo essere stato il più veloce della Q1, e partirà comunque in prima fila.

Jack Miller (#43 Ducati Lenovo Team) – 1° (1:31.899)
“E’ una sensazione bellissima essere di nuovo in pole dopo così tanto tempo! Ci siamo andati vicini molte volte ed esserci finalmente riusciti è fantastico. La moto è migliorata di sessione in sessione e anche io mi sono sentito sempre più a mio agio, come dimostra il mio ritmo che è sempre stato buono durante tutto il fine settimana. Ora partiremo dalla miglior posizione in griglia domani e dobbiamo saperla sfruttare bene L’unica incognita resta il meteo, ma sento di essere pronto ad affrontare la gara in qualsiasi condizione”.

Francesco Bagnaia (#63 Ducati Lenovo Team) – 2° (1:31.914)
“Non è stata una qualifica facile: all’inizio della sessione stava piovendo e sono uscito con le “rain”, ma l’asfalto non era abbastanza bagnato, perciò sono rientrato per cambiare moto. Sono uscito con le slick, ma ha iniziato a piovere più forte. Ho cercato di rimanere calmo e di portare la gomma in temperatura, per poi spingere al massimo nell’ultimo giro e cercare di ottenere la prima fila. Ci siamo riusciti e sono molto contento di ciò, perché era il nostro obiettivo per la giornata di oggi, visto che domani saremo costretti a partire tre posizioni indietro a causa della penalità. La seconda fila non è un grande problema, ma sarà comunque fondamentale riuscire a fare una buona partenza”.

I piloti del Ducati Lenovo Team torneranno in pista domani alle ore 9:40 locali per il warm up, prima di affrontare la gara sulla distanza di 27 giri, con partenza alle ore 14:00 CEST.

Michele Pirro non riesce a superare lo scoglio delle Q1 anche a causa di una leggera pioggia che non gli consente di spingere nel secondo time attack.

Dopo una buona FP3 chiusa in dodicesima posizione a meno di due decimi dalla TOP 10, il pilota del team Aruba.it Racing prova a spingere la sua Ducati Desmosedici GP nella prima run della Q1 senza però trovare le condizioni ideali per poter avvicinarsi ai primi due posti. Le sensazioni sono comunque positive ma appena rientrato in pista dopo aver cambiato le gomme, una leggera pioggia non consente ai piloti di poter tentare un nuovo time attack congelando quindi i tempi fatti registrare nella prima uscita.

Pirro chiude le qualifiche del #SanMarinoGP in 17° posizione e partirà domani dalla sesta fila.  

Michele Pirro (Aruba.it Racing #51)
“E’ stata una qualifica piuttosto strana. Non mi aspettavo che iniziasse a piovere quindi nella prima run sono rientrato per cambiare la gomma con un giro di anticipo. Purtroppo poi è arrivata la pioggia e a quel punto non era più possibile registrare un buon tempo. E’ un peccato perché avrei potuto fare un po’ meglio. Ma il livello della MotoGP è altissimo e lo dimostra il fatto che partirò 17° avendo fatto un tempo di soli 7 decimi inferiore rispetto a quello della pole position. Partirò indietro ma sono comunque fiducioso perché il passo è abbastanza buono e penso di avere le chances per poter conquistare qualche punto domani”.
 

Non è stato un sabato particolarmente brillante per i piloti del team Prima Pramac Racing. Johann Zarco e Jorge Martin, infatti, partiranno rispettivamente dalla sesta e tredicesima posizione nel #SanMarinoGP che andrà in scena domani alle 14 sul Misano World Circuit Marco Simoncelli. I problemi di Martin sono cominciati nella FP3 durante la quale il suo giro migliore è stato cancellato a causa di una bandiera gialla. Il pilota spagnolo è stato costretto quindi a disputare le Q1 ma quando è rientrato in pista per il secondo time attack, la pioggia è caduta sul circuito costringendo i piloti ad abortire i propri tentativi. Per Martin la terza posizione nelle Q1 che vale la quinta fila (P13) sulla griglia di partenza domani. Dopo aver agevolmente conquistato l’accesso diretto alla Q2, Johann Zarco ha dovuto fare i conti, così come gli altri piloti, con un circuito ancora scivoloso. Malgrado ciò il pilota francese ha fatto registrare il miglior tempo a metà sessione senza però riuscire a replicarsi nei minuti finali. Zarco partirà domani dalla seconda fila (P6).

Johann Zarco

Abbiamo un po’ salvato la situazione, non era facile guidare con queste condizioni meteo, l’asfalto era asciutto ma i cordoli molto scivolosi e bisognava stare molto attenti. Comunque partiremo da una buona seconda fila.

Jorge Martín

Peccato perchè questa mattina con la bandiera gialla mi hanno cancellato il giro buono per entrare in Q2. Partire dalla tredicesima posizione non sarà facile, ma proveremo a fare il possibile per fare una buona gara e recuperare posizioni.

Nemmeno le condizioni miste di un sabato da fine estate hanno cambiato le carte in tavola per Enea Bastianini che dopo aver conquistato già ieri agevolmente la Q2 diretta del GP di casa, oggi ha confermato le proprie sensazioni con la Ducati numero 23 centrando la prima fila del #SanMarinoGP. L’italiano ha chiuso con il terzo tempo assoluto, anche se domani partirà dalla seconda piazza grazie alla penalità inflitta a Bagnaia che lo precedeva.
 
Sabato in crescita per Fabio Di Giannantonio che si è giocato le proprie chance sia in fp3 che in Q1, chiudendo in 14ª posizione la sua giornata di qualifiche. Per entrambi domani sarà fondamentale la scelta delle gomme, con un asfalto in continua evoluzione a livello di temperature.

3º – ENEA BASTIANINI #23
“È una bella soddisfazione in una sessione che poteva crearci parecchi problemi. Abbiamo deciso di giocarci quasi subito le slick anche se all’inizio la pista era abbastanza bagnata, specie sui cordoli. Me la sono giocata in vari punti, mi piace frenare forte e all’ultimo, e su questa pista non era facile oggi. Oggi bisognava osare per stare davanti e ci siamo riusciti”.
 
14º – FABIO DI GIANNANTONIO #49 
“Stiamo crescendo, rispetto a ieri abbiamo fatto un bello step con la moto anche se siamo stati molto vicini alla Q2 che era il nostro obiettivo. La 14ª posizione non è da buttare, il nostro passo gara è buono e dovremo essere bravi a trovare la scelta giusta per le gomme. Con qualche piccolo step nel warm-up, meteo permettendo, saremo competitivi”.